Questo articolo è stato letto 5 volte

Vigili urbani Pescara, ora le multe si fanno con il tablet

Tablet

TabletPESCARA. La Sala Operativa della Polizia municipale di Pescara diventa 2.0.
Passa dall’analogico al digitale il ponte radio accelerando le comunicazioni via Radio e permettendo l’installazione, a bordo delle auto o anche dei vigili appiedati, di segnalatori che, dal Comando dei vigili, permettono di seguire tutti gli spostamenti delle pattuglie dislocate sul territorio.
Non solo: d’ora in avanti la multa verrà comminata direttamente su tablet, 25 quelli appena acquistati, con stampa in tempo reale dinanzi all’utente (la mini stampante è attaccata alla cintura), eliminando i classici penna e blocchetto.
Tra qualche giorno sarà possibile anche per gli utenti pagare on line la contravvenzione, restando a casa o in ufficio, evitando così di fare la fila agli sportelli postali.
Sono le innovazioni introdotte all’interno della Sala Operativa del Comando della Polizia municipale di Pescara che permetteranno alla struttura di svolgere funzioni sempre più all’avanguardia, e che hanno richiesto un investimento di 70mila euro da parte dell’amministrazione comunale.
Ieri il sindaco Luigi Albore Mascia ha illustrato tutte le novità insieme all’assessore delegato Marco Mambella, al colonnello Mario Fioretti, al maggiore Sergio Petrongolo, e al maggiore Domenico Di Matteo.
«Il volto della nostra Polizia municipale è assolutamente cambiato negli ultimi cinque anni – ha sottolineato il sindaco Albore Mascia che ha definito quella di ieri «la ‘ciliegina sulla torta’ di un percorso lungo di collaborazione che intendiamo continuare».
Il progetto ha previsto la dotazione di 4 nuovi personal computer con un miglior software operativo, e l’installazione di un maxi-schermo, dove viene riportata la piantina della città di Pescara. In sostanza, grazie al passaggio dal sistema di comunicazione dall’analogico al nuovo digitale, sarà possibile seguire i movimenti, gli spostamenti sulla città di ciascuna pattuglia, sia quelle in auto, che gli appiedati. Chiaro il vantaggio: se accade un episodio che richiede l’intervento degli agenti in piazza Salotto, non sarà necessario chiamare e far intervenire una pattuglia che magari sta effettuando il controllo del territorio a Porta Nuova, ma si avrà il quadro esatto della posizione degli agenti e dunque interverranno quelli più vicino al luogo d’intervento.
«Il progetto ci ha permesso di installare una telecamera a lettura targa all’ingresso del Comando stesso», ha spiegato Mascia, «e questo per migliorare la sicurezza interna».
Adesso si sta collaudando il brogliaccio elettronico: ossia ogni chiamata viene registrata e inserita automaticamente in questo brogliaccio al computer, eliminando dunque l’uso della carta e creando un archivio digitale. «Ovviamente», ha chiarito Mascia, «tali sistemi sono entrati in una fase di rodaggio. In queste settimane ci sono ancora delle piccole interferenze nelle comunicazioni perché c’è un passaggio graduale dal sistema analogico a quello digitale, che determinerà lo spegnimento completo dell’analogico, non appena sarà completata la formazione anche del personale, dunque tra qualche settimana tutto sarà pienamente funzionante».

 

Fonte: www.primadanoi.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *