Questo articolo è stato letto 0 volte

Perugia – I malviventi aguzzano l’ingegno, nasce la “truffa dei pozzi”: forze dell’ordine sul piede di guerra

Strana truffa in atto sulla provincia di Perugia da parte di alcuni poco raccomandabili soggetti. A indagare in merito Polizia provinciale, Carabinieri e Vigili urbani.

La crisi economica aguzza l’ingegno, questa è cosa ormai certa, tanto da portare all’ideazione di nuovi e surreali truffe, costringendo così Provincia di Perugia e Comune di Bastia Umbra a diramare un comunicato stampa per allertare mettere in guarda i cittadini da alcuni malviventi dotati di una mente machiavellica.

Soprannominata la “truffa dei pozzi”, i due Enti in una nota congiunta invitano i cittadini: “a diffidare di quanti in questi giorni si presentano presso le abitazioni private spacciandosi per controllori dei pozzi. Le segnalazioni pervenute al momento sono circoscritte alla località Cipresso di Bastia Umbra e riferiscono di soggetti che si introducono nelle proprietà private con la scusa di dover verificare il livello dei pozzi”.

Provincia e Comune hanno invitato pertanto tutti i cittadini a non dare credito ad eventuali simili richieste di sopralluogo, in quanto nessuno dei due Enti ha dato disposizioni al riguardo. Intanto la Polizia provinciale di Perugia, investita del problema, ha predisposto i servizi necessari al fine di monitorare il fenomeno. Controlli in zona sono in corso anche da parte di carabinieri e vigili urbani.

Fonte: www.perugiatoday.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *