Questo articolo è stato letto 3 volte

Domodossola, ecco la telecamera mobile che scopre le auto senza revisione o assicurazione

domo-telecamera

La polizia municipale si è dotata della nuova apparecchiatura. In un’ora e 45 secondi scoperti 27 mezzi non a norma.

I «furbetti» della strada stiano attenti: la polizia municipale di Domodossola si è dotata di una telecamera mobile capace di rilevare, in tempo reale, se il veicolo intercettato è irregolare. I risultati si sono già visti. «In un’ora e 45 secondi di funzionamento ha catturato 27 auto fuori norma» conferma il comandante della Polizia municipale domese, Marco Brondolo.

 

Con una spesa di 9.760 euro, gli agenti domesi stanno utilizzando un «New Sct», un sistema di controllo delle targhe capace di rilevare se l’automezzo controllato è rubato, privo di assicurazione o se non ha passato la revisione periodica prevista dal codice della strada. La telecamera, che viene montata sulle auto di servizio o su un cavalletto, è l’unica in funzione in provincia.

 

«La sperimentazione avviata ha dato risultati di rilievo in due sole ore di utilizzo – spiega Brondolo – . Il sistema visualizza la targa del veicolo e la controlla in tempo reale con i database delle compagnie assicurative e con quelli del Ministero dei trasporti. Possiamo intervenire e procedere subito alla contravvenzione, non prima però di aver verificato la documentazione del veicolo. Ma soprattutto sapere se si tratta di un mezzo rubato».

Sono state contestate assicurazioni scadute, libretti non regolari, revisioni mai fatte; con sanzioni che oscillano da poche centinaia di euro ad un massimo di 7 mila euro se al veicolo è stata vietata la circolazione su strada.

 

«Stiamo arricchendo le nostre tecnologie – dice Brondolo – , per dare un sevizio più efficace nel campo della sicurezza stradale». Oggi gli agenti domesi hanno in dotazione anche un rilevatore di velocità «prestato» dalla polizia urbana di Verbania e hanno ricevuto un nuovo mezzo fuoristrada 4×4 e una berlina a diesel.

 

Resta il «nodo» della carenza di organico. «Ho in servizio solo dodici persone – spiega il comandante – .

 

Riusciamo con il sacrificio del personale a fare il nostro lavoro ma l’amministrazione ci ha garantito il rinnovamento del parco macchine e questa strumentazione all’avanguardia, compreso anche un nuovo pc portatile».

 

Fonte: www.lastampa.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *