Questo articolo è stato letto 2 volte

Capri – Concorso comandante dei vigili, nessun ammesso

concorso-poliza

concorso-polizaNessun ammesso. La selezione pubblica, per titoli e colloquio, per la copertura, mediante mobilità esterna volontaria, del posto del comandante della Polizia Municipale di Capri, si è conclusa con un nulla di fatto. Nessuno dei 15 candidati è stato infatti ritenuto idoneo ad essere ammesso alla selezione.
La notizia, che per certi versi ha del clamoroso, è contenuta nella determinazione numero 136 firmata dal Segretario Comunale Leondina Baron pubblicata lo scorso 2 luglio all’albo pretorio del Comune. Nel documento si legge:?“Sono pervenute n.15 richieste di partecipazione alla selezione (omissis) in ordine di ricezione al protocollo dell’Ente. 8 candidati, elencati (omissis), sono stati invitati ad integrare la domanda di partecipazione alla selezione con le dichiarazioni o la documentazione omesse, entro 10 giorni dalla ricezione della comunicazione.
I candidati non hanno riscontrato le richieste di integrazione ad eccezione del Sig. (omissis) il quale ha provveduto al riscontro oltre il termine stabilito dalla richiesta”. Nessuno dei 15 candidati sono stati ammessi “o per invio della domanda di partecipazione oltre il termine stabilito o per carenza dei requisiti stabiliti dal bando o per mancato riscontro, nei termini, della richiesta di integrazione”. E adesso cosa succede? L’incarico di comandante della Polizia Municipale è affidato, temporaneamente, al tenente Angelo Mazzarella, che degli ufficiali in forza al comando ha la maggiore anzianità di servizio. Spetterà all’amministrazione decidere se confermare e “ufficializzare” Mazzarella, se procedere ad una nuova selezione con il ricorso alla mobilità esterna o se bandire un concorso pubblico per titoli ed esami.
Le strade da percorrere sono tre, senza dimenticare che è ancora in corso al tribunale di Napoli il processo a carico dell’ex comandante Marica Avellino, dell’ex sindaco Ciro Lembo e dell’ex Segretario Comunale Paolo Rispoli imputati per abuso d’ufficio in concorso per le vicende legate all’assunzione della Avellino che, come si ricorderà, fu “imposta” da Ciro Lembo bypassando concorsi pubblici, anzianità interna ed esperienze.
Marica Avellino, essendo il suo incarico a tempo determinato vincolato al sindacato di Lembo, è “decaduta” con la fine della precedente amministrazione.

 

Fonte: www.positanonews.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *