Questo articolo è stato letto 1 volte

Terracina – Il comandante della municipale ‘blocca’ le auto. Vigili urbani a piedi

agenti_polizia_locale

agenti_polizia_localeDa ieri la polizia locale di Terracina si muove ufficialmente…a piedi. Alla fine il pasticciaccio del nuovo parco comunale con le targhe polacche ha avuto i suoi effetti, certamente non buoni.

Succede che dallo scorso 1° luglio le auto dei vigili urbani, quelle vecchie, (le uniche non ancora sostituite perché qui lo stesso ministero interpellato dal sindaco ha dato parere negativo circa la presenza della targa straniera sull’auto di servizio da dotare opportunamente) sono senza revisione. Che fare, dunque?Portarle dal meccanico collegato al precedente noleggio che, visto che il contratto è scaduto, le tratterrebbe in officina? Parcheggiarle nel garage?

Al comandante Pecchia non è rimasto altro da fare che…bloccare le macchine del suo personale avvisando il sindaco della decisione presa e ovviamente attendendo indicazioni sul da farsi. Possibilmente rapide, e preferibilmente più tempestive di quanto sia stata la soluzione delle nuove auto, vicenda che oramai si trascina dalla fine dello scorso marzo. Quasi quattro mesi durante i quali le altre macchine destinate al personale del Comune sono state regolarmente assegnate, tranne quelle per i vigili urbani perché lì, come già detto, la questione della targa polacca prevedeva una nuova immatricolazione italiana.

Le ultimissime dicono che le auto arriveranno molto genericamente nella seconda metà di luglio, quindi potrebbe essere anche l’ultimo giorno di quel mese. E fino ad allora?

Da ieri servizi particolari e, soprattutto, distanti dal comando vengono immediatamente inoltrati ai colleghi delle altre forze dell’ordine. A meno che non si dotino i vigili di biciclette, meglio se elettriche, pattini a rotelle e altri mezzi simili. Magari anche l’autobus, perché no…

Ironia a parte, qui la situazione è davvero grottesca e da ridere c’è davvero molto poco.

 

 

Fonte: www.h24notizie.com

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *