Questo articolo è stato letto 2 volte

In tema di sanzioni amministrative è richiesta la coscienza e volontà della condotta attiva o omissiva, sia essa dolosa o colposa, senza che occorra la concreta dimostrazione del dolo o della colpa, atteso che la norma pone una presunzione di colpa, in ordine al fatto vietato, a carico di colui che lo abbia commesso, con la conseguenza che grava su quest’ultimo l’onere di provare di aver agito senza colpa. Fattispecie relativa al non corretto funzionamento del cronotachigrafo – Corte di Cassazione, 10/3/2014.

in-tema-di-sanzioni-amministrative-richiesta-la-coscienza-e-volont-della-condotta-attiva-o-omissiva-sia-essa-dolosa-o-colposa-senza-che-occorra-la-concreta-dimostrazione-del-dolo-o.jpg

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *