Questo articolo è stato letto 5 volte

Verona – Casa della marijuana a San Bonifacio: blitz di 10 agenti per 11 chili. Lui si lancia dalla finestra

marijuana

marijuanaIl grossista dell’erba da fumare è un nigeriano di 23 anni: all’irruzione della polizia municipale si chiude in bagno e riesce a scappare. Sequestrati sacchi interi e migliaia di euro in contanti. Tutto parte dalle lamentele dei vicini per liti continue.

Undici chili di marijuana, molti semi e circa 3mila euro in contanti. È il bilancio dell’ennesima operazione antidroga sfociata con l’irruzione in un appartamento di San Bonifacio. Una vera centrale di smistamento gestita da un cittadino africano, per un grande quantitativo di droga destinato all’Est Veronese e alla vicina provincia di Vicenza. A segnalare lo strano giro di persone in quell’abitazione di via Chiavichetta è stato l’amministratore del palazzo, esasperato dalle lamentele per liti continue e disturbo. Dieci gli agenti della polizia municipale di San Bonifacio e di Monteforte d’Alpone entrati in azione sabato sera: e quando il ragazzo nigeriano di 23 anni ha capito che erano lì per lui ha pensato bene di darsela a gambe. Si è chiuso in bagno e si è lanciato dalla finestra, riuscendo a scappare. Ora è ricercato. L’operazione è nata dopo le verifiche sull’appartamento. Era stata così organizzata una serie di appostamenti e la raccolta delle classiche informazioni. Ben presto si è cominciato a sospettare che il disturbo fosse causato dallo smercio di sostanze stupefacenti.

I sospetti si son tramutati in certezza quando i vigili sono riusciti ad entrare nella porta chiusa a chiave che il giovane nigeriano aveva affittato da un ghanese (totalmente estranea alla vicenda). Dentro una valigia erano nascosti quattro pacchi da due chili ciascuno di marijuana e un altro pacco da due chili è stato ritrovato vicino al letto. Poi altre quantità minori, da 30 e 50 grammi. Sequestrato l’ormai immancabile “kit dello spacciatore”: bilancini di precisione, materiale per il confezionamento, sacchetti, quattro telefoni cellulari, un notebook e una chiavetta internet. Sotto al tappeto della stanza da letto sono spuntati anche 2600 euro in contanti e un permesso di soggiorno. Alla luce dei fatti accertati è emerso così che non si trattava di un “semplice” pusher, ma un grossista dell’erba da fumare, capace di muovere grandi quantità verso i piccoli spacciatori della zona. Come spiegano i quotidiani locali, il nigeriano è ricercato con un mandato di cattura per detenzione di droga a fini di spaccio.

Fonte: www.veronasera.it

Fonte:

One thought on “Verona – Casa della marijuana a San Bonifacio: blitz di 10 agenti per 11 chili. Lui si lancia dalla finestra

  1. A nulla valsero imponenti manifestazioni di canapicoltori come quella del 12 dicembre 1946 a Caserta e convegni
    di studi offer alto livello, né sortirono alcun effetto
    gli interventi dell’.M.C.E., che, esortando a migliorare edward incentivare la produzione della canapa e del lino, costituì una Confederazione
    Europea del Lino e dalla Canapa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *