Questo articolo è stato letto 0 volte

Qualora il giudice di pace con ricorso in opposizione successivamente al 6 ottobre 2011, adotti erroneamente la forma dell’ordinanza inaudita altera parte per la dichiarazione di inammissibilità dell’opposizione, l’unico rimedio configurabile, trattandosi di provvedimento dotato di indubbia natura decisoria è l’appello, e cioè il rimedio generale ora proponibile avverso le decisioni del giudice di pace in materia di opposizione a verbale di contestazione di violazioni del codice della strada – Cassazione civile sez. VI, 13 giugno 2014, n. 13585.

qualora-il-giudice-di-pace-con-ricorso-in-opposizione-successivamente-al-6-ottobre-2011-adotti-erroneamente-la-forma-dellordinanza-inaudita-altera-parte-per-la-dichiarazione-di-inammissibilitagrave.jpg

Vedi il testo della sentenza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *