Questo articolo è stato letto 4 volte

TECNICHE OPERATIVE: cosa c’è di nuovo.

municipale_corso_sicurezza-tecniche-operative

municipale_corso_sicurezza-tecniche-operativeDi nuovo “sotto il sole” non c’è nulla, ma questo non significa che le tecniche operative debbano essere snobbate. Anzi!
Troppo spesso infatti (forse sarebbe corretto dire quasi sempre), quando in un comando di polizia locale arriva la pubblicità di un corso di tecniche operative, il “volantino” (cartaceo o virtuale poco importa) viene velocemente accantonato.
Si ritiene infatti, a torto, che si tratti di qualche cosa di inutile o, ancora peggio, uno stimolo al rambismo.
Si sottovalutano invece alcune questioni molto importanti. Il primo è che il datore di lavoro, o chi per esso, deve mettere il lavoratore nelle condizioni di lavorare in sicurezza, rischiando, in caso di inadempienza pesanti sanzioni. Inoltre, meglio “perdere” un poco di tempo nella formazione piuttosto che averlo per settimane o mesi in infortunio.

Il secondo, di numero ma non di importanza, è che se un operatore di polizia non sa ammanettare una persona violenza, sicuramente non è nemmeno in grado di renderla inoffensiva (poco importa se parliamo di arresto, di TSO o di aggressione all’operatore stesso). O meglio, forse riesce a renderla inoffensiva, con l’aiuto di altri colleghi, ma in questo caso deve mettere in conto due rischi:

1) le riprese video che in pochi minuti saranno caricate sulla rete evidenzieranno un “povero” malcapitato, accerchiato e “schiacciato” da diversi poliziotti. E’ evidente (per gli addetti ai lavori) che non si tratta di un “povero” cittadino ma, molto probabilmente di un disonesto cittadino. L’immagine che però finisce sul web evidenzierà il contrario. Certamente se l’operatore sapesse come muoversi, non servirebbero 4 o 5 poliziotti ed il messaggio mediatico avrebbe un impatto ben diverso

2) non essendo in grado di immobilizzarlo (oppure a fatica) per la carenza di formazione in tecniche operative, molto probabilmente saranno adottate azioni di forza non congrue che, come la stampa ha evidenziato in troppi casi, potrebbero portare a gravi lesioni oppure alla morte del cittadino sul quale stiamo operando
Risulta pertanto di fondamentale importanza la SESSIONE OPERATIVA A NUMERO CHIUSO A CURA DELLA I.P.T.S. TECNICHE E TATTICHE OPERATIVE DI POLIZIA, che si terrà a Riccione nel corso della 33a Edizione de “Le Giornate della Polizia Locale”, nei giorni 18 -19- 20 settembre 2014.

Iscriviti subito

http://www.legiornatedellapolizialocale.it/riccione/modulo-di-iscrizione

Consulta il programma completo

http://www.legiornatedellapolizialocale.it/riccione/programma/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *