Questo articolo è stato letto 152 volte

Art. 21 c.d.s.: Opere, depositi e cantieri stradali – casi operativi a cura di C. Lo Iacono

art-21-c-d-s-opere-depositi-e-cantieri-stradali-casi-operativi-a-cura-di-c-lo-iacono.jpg

Articolo 21 – Opere, depositi e cantieri stradali
Il codice della strada all’articolo 212, comma 1, stabilisce che “Senza preventiva autorizzazione o concessione della competente autorità di cui all’articolo 26 è vietato eseguire opere, depositi e aprire cantieri stradali anche temporanei, sulle strade3 e loro pertinenze4 nonché sulle relative fasce di rispetto e sulle aree di visibilità”.

Nell’oggetto della norma in esame rientrano sicuramente:
– gli interventi di ordinaria e straordinaria manutenzione della strada quali le riprese di piccole porzioni di asfalto, il ripristino di manti stradali danneggiati, la ripulitura da detriti di frana o smottamenti, il rafforzamento o il risanamento delle strutture, la manutenzione degli argini e delle piantagioni che ad essa appartengono ecc.;
– la posa in opera e la manutenzione della segnaletica stradale verticale e orizzontale;
– le opere di scavo per la posa o riparazione di condotte sotterranee (linee elettriche e telefoniche, rete idrica, fognaria, gas ecc.);
– i depositi di materiale e di attrezzature (macchine operatrici ecc.) necessari ai lavori stradali.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *