Questo articolo è stato letto 5 volte

Sigarette e gomme: se le tiri per terra paghi fino a 150 euro!

sigaretta-mozzicone

sigaretta-mozziconeIl nuovo disegno di legge potrebbe diventare effettivo dal 2015 e difenderà i marciapiedi, i parchi e le piazze pubbliche dai ‘lanciatori’ di sigarette e gomme da masticare: chi le lancia per terra sarà sanzionato con una multa dai 30 ai 150 euro.

L’anticipazione è arrivata da Il Messaggero, che ha segnalato l’esistenza di un disegno di legge depositato alla Camera e collegato alla legge di stabilità 2014: “Disposizioni in materia ambientale per promuovere misure di green economy e per il contenimento dell’uso eccessivo di risorse naturali“.

Tra tutte le multe (anche senza senso) che esistono in Italia, questa probabilmente è quella più sensata: negli Stati Uniti, del resto, se provi a lanciare per terra anche una nocciolina ti guardano talmente male che la ‘volta dopo’ ci ripensi (e se ti beccano paghi multe salatissime).

Cosa prevede il ddl? Che i Comuni installino nelle strade, nei parchi e nei luoghi di aggregazione degli appositi contenitori per sigarette e chewingum. Proprio per questo, la legge stabilisce che le norme entrino in vigore dal primo luglio 2015, proprio per permettere alle amministrazioni di attrezzarsi. Il Messaggero ha rilevato che ogni anno vengono gettati a terra 18 milioni di mozziconi di sigarette e 15mila gomme da masticare. Le spese di rimozione dei chewingum ammontano addirittura a 5,5 milioni di euro. La media non è migliore nelle altre città, dove si possono contare 20 chewing gum per metro quadro.

Chiaro che la legge non sarà di semplice applicazione: difficile, ‘cogliere in fragrante’ il lanciatore di mozzicone o gomma da masticare soprattutto considerando le Forze a disposizione. La multa ai trasgressori sarebbe infatti compito della Polizia Municipale che già deve ottemperare a diversi compiti, compreso multare chi non raccoglie le deiezioni canine. In ogni caso, l’aspetto migliore è la sensibilizzazione.

 

Fonte: www.comuni.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *