Questo articolo è stato letto 2 volte

Torino – Investita dall’auto pirata intestata ai vigili urbani

polizia-municipale-torino

polizia-municipale-torinoC’è un’auto di proprietà del Comune, una Panda, che sembra sparita nel nulla. Nessuno ne ha notizie da sabato all’ora di pranzo, quando in corso Regina Margherita, all’altezza delle Porte Palatine, ha investito una donna di origini maghrebine che arrivava dal mercato e stava attraversando la strada. Poi è filata via. Senza fermarsi a soccorrerla e senza fare ritorno al deposito dove solitamente viene parcheggiata.

Vettura pirata
La signora è stata soccorsa da alcuni passanti e poi dagli addetti del 118, quindi trasportata in ambulanza al pronto soccorso del Cto dove è stata ricoverata. Le sue condizioni – a parte qualche contusione – sono buone. Sul posto sono invece intervenuti i vigili urbani per i rilievi di rito che vengono eseguiti in questi casi. Alcuni testimoni avevano segnato la targa dell’auto (CS534XL) e l’hanno comunicata ai civich del nucleo infortunistica. Sorpresa: l’auto appartiene al Comune. Anzi, proprio alla polizia municipale: non è di quelle bardate di verde ma un’utilitaria bianca. Ed è in dotazione al nucleo che esegue gli sfratti e che non è di stanza al comando di via Bologna bensì in via Corte d’appello, proprio dietro a Palazzo Civico, dove ha sede l’assessorato alla Casa.

Deposito vuoto
Individuata la vettura non è stato difficile provare a rintracciarla. Il guaio è che il suo posto nel deposito comunale era vuoto. Sparita. E finora nessuno l’ha rintracciata. Il comando dei vigili, appena saputo della vettura scomparsa, ha subito fatto denuncia per furto. Sabato pomeriggio è partita una segnalazione destinata alla Procura e sono subito cominciate le ricerche del mezzo. «Stiamo facendo tutte le verifiche e le indagini necessarie», spiega il comandante dei civich Alberto Gregnanini. «Se di solito siamo molto rigorosi questa volta saremo rigorosissimi. Vogliamo ricostruire con scrupolo questa vicenda».

I filmati
Una storia strana. Dov’è l’auto? Chi l’ha presa? È stata davvero rubata? Sabato pomeriggio sono stati sentiti tutti i civich in forza al nucleo che si occupa degli sfratti: l’obiettivo era capire se qualcuno avesse notizie della Panda e verificare che nessuno degli addetti l’avesse utilizzata quel giorno. Le indagini proseguiranno e in questo senso sarà importante il contributo delle immagini fornite sia dalle telecamere di sorveglianza posizionate in zona, sia di quelle piazzate nel deposito comunale che potrebbero stabilire se qualcuno non autorizzato è entrato e ha rubato la vettura. Oggi, esaminando i filmati, se ne saprà di più.

 

Fonte: www.lastampa.it

 

Fonte:

One thought on “Torino – Investita dall’auto pirata intestata ai vigili urbani

  1. A leggere certe notizie, in un paese che si definisce civile, si dovrebbe quantomeno rimanere sbigottiti e non credere ai propri occhi.
    Io penso che questo episodio (se è vero!) sia il più lampante e chiaro caso di menefreghismo, abbandono ed incuria della cosa pubblica. Difficile fare di più.
    Ieri 6 ottobre 2014 si è appreso dal sito ufficiale del Comune di Torino che è stata ritrovata l’autovettura in questione ed a bordo (caso strano) sono state ritrovate “sostanze psicotrope”.
    Senza voler gridare all’insabbiamento ed alle prove costruite ad artificio, mi domando, e domando agli spettabili internauti, come sia possibile:

    1) rubare una veicolo istituzionale utilizzato quotidianamente senza che nessuno se ne accorga che (dovrebbe?) avere un libretto di registro marcia;

    2) rubare il veicolo munito di code antifurto;

    3 dulcis in fundo: lasciare sostanze psicotrope nel veicolo abbandonato che tanta gola fanno al “probabile” tossicodipendente che, stando agli indizi, avrebbe sottratto l’autovettura.

    Per fortuna nell’incidente nessuno “ci ha lasciato le penne”, ma se queste sono le istituzioni che dovrebbero, nel loro piccolo, vegliare sulla nostra sicurezza siamo proprio a cavallo….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *