Questo articolo è stato letto 2 volte

Ancona – Vigili assenteisti, una microcamera per incastrare i sospetti

polizia_municipale2

polizia_municipale2Assenteismo nella polizia Municipale. Gli investigatori hanno piazzato una microcamera davanti alla macchina marcatempo del comando della Municipale anconetana e adesso gli inquirenti stanno visionando fotogramma per fotogramma, per scoprire cosa emerge da mesi e mesi di registrazioni.

E’ il particolare filtrato dall’inchiesta che, lo scorso 25 settembre, ha portato all’arresto (domiciliari) di un ufficiale della Polizia Municipale, difeso dall’avvocato Marta Balestra (in foto) e rilasciato dopo che il giudice aveva convalidato il fermo. Con lui c’è un altro vigile, raggiunto da un avviso di garanzia. Sono entrambi sospesi dal servizio. Inoltre ci sarebbero altre 3 divise indagate. Tutti legati all’inchiesta del pm Paolo Gubinelli, convinto che un gruppo di pubblici ufficiali abbia messo in piedi un collaudato sistema di favori capace di garantire ai presunti assenteisti di lavorare meno a parità di stipendio.

Fatto sta che ora quelle registrazioni sono nelle mani della polizia giudiziaria della stessa Municipale che, guidata dal maggiore Marco Caglioti, sta lavorando sul materiale. Se le date e gli orari delle spycam dovessero coincidere con quelli della consueta video sorveglianza, allora le teorie accusatorie potrebbero trovare un riscontro. Allo stesso tempo gli inquirenti stanno ispezionando i computer degli indagati. Si cerca tra le tracce della navigazione internet, password e documenti d’ufficio. L’obiettivo è cercare riscontro delle varie turnazioni lavorative. Se non ci dovesse essere traccia di elaborazione dati, nei giorni e nelle ore in cui le presunte divise infedeli sarebbero dovute essere al lavoro, allora le cose si metterebbero male per loro. Al contrario, se i computer dimostrassero di essere stati operativi nei momenti in cui i vigili risultavano effettivamente in servizio, sarebbe un punto a favore della difesa. Ma le indagini sono ancora in corso.

 

Fonte: www.anconatoday.it

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *