Questo articolo è stato letto 81 volte

Cambiano le regole dell’intestazione della carta di circolazione se utilizzi l’auto di altri.

chiavi-auto

passaggio-chiavi-autoIn questi giorni si sono lette molte notizie su una tematica che trova fondamento all’art. 12 della legge 29 luglio 2010, n. 120, ha introdotto nel Codice della Strada un articolo, l’art. 94-bis, con il quale si afferma il divieto di intestazione fittizia dei veicoli, sia sulla carta di circolazione che sul certificato di proprietà ovvero sul certificato di circolazione dei ciclomotori, e prevede la loro cancellazione d’ufficio dal P.R.A. e dall’archivio nazionale dei veicoli istituito presso il Dipartimento per i trasporti terrestri qualora fosse stata ottenuta un’intestazione simulata sui predetti documenti.

La norma si pone l’obbiettivo di eliminare tutte quelle distorsioni e pregiudizi derivanti da intestazioni fittizie o simulate, arrecati al generale interesse, alla credibilità ed effettività delle trascrizioni nei pubblici registri, all’individuazione degli effettivi responsabili della circolazione dei veicoli e dei fenomeni di evasione fiscale e frodi assicurative.

E’ bene precisare che la tanto sbandierata modifica del codice della strada che richiede la coincidenza tra intestazione del libretto di circolazione ed utilizzatore in vigore dal 3 novembre, non deriva da un nuovo codice della strada, ma dalla riforma del codice della strada del 2010 come attuata con regolamento del 2012 e reso operativo dal 3 novembre del 2014 in virtù della realizzazione degli archivi informatici della motorizzazione civile.

Un secondo profilo, invece, riguarda il caso in cui il rilascio dei documenti sia stato già ottenuto e sia successivamente provato che l’intestazione è fittizia. In tali casi, infatti, per dare concreta applicazione alla norma di cui si parla, non è necessario attendere l’emanazione dei predetti decreti ministeriali perché l’avvenuto accertamento della violazione, la sua contestazione e la definizione dell’accertamento sono sufficiente garanzia per attivare la procedura di cancellazione del veicolo

In questo modo la circolare del 10 luglio 2014 rende operativo l’articolo 94 del codice della strada che disciplina il “divieto di intestazione fittizia dei veicoli”

La circolare 15513 dello scorso luglio, mette in evidenza che le predette procedure informatiche non si applicano ai veicoli in disponibilità di soggetti che effettuano attività di autotrasporto sulla base dell’iscrizione all’albo degli autotrasportatori, sia in conto di terzi che conto proprio, chi è iscritto al REN e alle autorizzazioni rilasciate al trasporto di persone.

Volutamente ho evidenziato questo passaggio al fine di fare chiarezza sulle incongruità lette ed ascoltate in varie assise.

Non è necessaria la coincidenza tra intestazione e utilizzatore quando l’utilizzo è occasionale o inferiore a 30 giorni, ciò vuol dire che il fratello che lavora fuori e torna nel week end in treno e utilizza l’auto del fratello non incorre in tale obbligo.

La norma già citata prevede delle fattispecie contenute all’art. 247 bis del D.P.R 495/92 cioè il Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada.

Già il titolo è emblematico della discussione odierna: ”Variazione dell’intestatario della carta di circolazione e intestazione temporanea di autoveicoli”

In caso di variazione della denominazione dell’ente intestatario della carta di circolazione relativa a veicoli, motoveicoli e rimorchi, anche derivante da atti di trasformazione o di fusione societaria, che non danno luogo alla creazione di un nuovo soggetto giuridico distinto da quello originario e non necessitano, in forza della disciplina vigente in materia, di annotazione nel pubblico registro automobilistico, gli interessati chiedono al competente ufficio del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici l’aggiornamento della carta di circolazione.

Le medesime disposizioni si applicano nel caso di variazione delle generalità della persona fisica intestataria della carta di circolazione.

 

Gli uffici del Dipartimento per i trasporti, procedono, a richiesta degli interessati all’aggiornamento della carta di circolazione, intestata ad altro soggetto, relativa agli autoveicoli, ai motoveicoli ed ai rimorchi dei quali gli interessati hanno la temporanea disponibilità, per periodi superiori a trenta giorni, a titolo di comodato ovvero in forza di un provvedimento di affidamento in custodia giudiziale; sulla carta di circolazione è annotato il nominativo del comodatario e la scadenza del relativo contratto, ovvero il nominativo dell’affidatario; nel caso di comodato, sono esentati dall’obbligo di aggiornamento della carta di circolazione i componenti del nucleo familiare, purché conviventi.

La circolare in commento, riporta con correttezza l’ambito soggettivo di applicazione, demandando a quanto disposto dall’art. 94 bis del Codice della strada, il quale prevede e disciplina il Divieto di intestazione fittizia dei veicoli

All’interno della stessa norma si legge che la carta di circolazione non possono essere rilasciati qualora risultino situazioni di intestazione o cointestazione simulate o che eludano o pregiudichino l’accertamento del responsabile civile della circolazione di un veicolo.

La violazione di cui al periodo precedente, salvo che il fatto costituisca reato, chiunque richieda o abbia ottenuto il rilascio della carta di circolazione in violazione di quanto disposto dalla normativa è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 527 a euro 2.108. La sanzione di cui al periodo precedente si applica anche a chi abbia la materiale disponibilità del veicolo al quale si riferisce l’operazione, nonché al soggetto proprietario dissimulato.

La variazione di denominazione può riguardare qualunque dei soggetti intestatari della carta di circolazione che devono intendersi in queste persone.

Il proprietario del veicolo, ivi compreso il “trustee”, il locatore, questo nel caso di locazione senza conducente, il nudo proprietario, in caso di usufrutto e l’acquirente in caso di acquisto con patto di riservato dominio.

Il locatario, questi nel caso del contratto di leasing

L’usufruttuario.

Sul tagliando di aggiornamento della carta di circolazione, oltre alla nuova denominazione del soggetto giuridico, è apposta la seguente dicitura:” Variazione della denominazione/ragione sociale dell’intestatario effettuata ai sensi dell’art. 94 comma 4 bis del c.d.s.”.

Lo stesso articolo e comma del codice stradale citato dalla Circolare, prevede che nel caso derivi una variazione dell’intestatario della carta di circolazione ovvero che comportino la disponibilità del veicolo, per un periodo superiore a trenta giorni, in favore di un soggetto diverso dall’intestatario stesso, nei casi previsti dal regolamento sono dichiarati dall’avente causa, entro trenta giorni, al Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici al fine della annotazione sulla carta di circolazione.

Per evitare di fare allarmismi e confusione, questa norma NON si applica quando si verifica che lacoincidenza tra intestazione auto e utilizzatore quando l’auto è ad uso familiare, cioè quando l’auto è utilizzata da coniuge, figli, genitori, tra fratelli/sorelle facenti parte dello stesso nucleo familiare (si applica quando il figlio ad esempio lascia la casa familiare o costituisce un nuovo nucleo familiare). L’obbligo di coincidenza tra intestatario del veicolo e utilizzatore vale però per gli eredi nel caso in cui dopo la morte del proprietario vogliano continuare ad utilizzare l’auto, prima della conclusione delle pratiche per la successione.

Nei casi in cui via sia l’obbligo di coincidenza tra intestazione dell’auto e utilizzatore, serve inviare al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti una comunicazione circa le generalità dell’utilizzatore diverse rispetto al proprietario o intestatario del veicolo, la comunicazione è a carico del proprietario, alla comunicazione deve essere allegata la fotocopia del documento con attestazione del versamento di 16 euro per l’imposta di bollo e 9 euro per i diritti di motorizzazione. Il ministero provvederà ad inviare un tagliando da incollare sul libretto di circolazione con i dati relativi all’utilizzatore diverso dal proprietario o intestatario. Comunque nella Circolare 15513 del 10 luglio 2014 sono riportate tutte le fattispecie.

In ultima analisi è corretto informare che l’art. 94 prevede la formalità per il trasferimento di proprietà degli autoveicoli, motoveicoli e rimorchi e per il trasferimento di residenza dell’intestatario. Chi non osserva le disposizioni stabilite nel citato articolo è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 705 a euro 3.526.

La carta di circolazione è ritirata immediatamente da chi accerta le violazioni previste ed è inviata all’ufficio della Direzione centrale della MCTC, che provvede al rinnovo dopo l’adempimento delle prescrizioni omesse.

 

Scarica la Circolare 15513 del 10/07/2014 http://www.mit.gov.it/mit/mop_all.php?p_id=19250

 

Qui la circolare sul tema

 

A cura di G. Simonato

 

Tratto da LeggiOggi.it

 

2 thoughts on “Cambiano le regole dell’intestazione della carta di circolazione se utilizzi l’auto di altri.

  1. Ottima informazione di tale legge…a volte basta poco per cadere nell’ansia dell’ignoranza….
    Grazie e Buon Lavoro 😉

  2. Salve volevo porgere un quesito per me molto importante.
    Sono un portatore di handicap e la mia domanda è mio nipote può guidare la mia automobile anche se risiede in un’altra abitazione. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *