Questo articolo è stato letto 3 volte

Galatina (LE) – Intascava i soldi delle multe, condannato vigile urbano

tangenti-mazzetta-appalti

tangenti-mazzetta-appaltiIntascava i soldi delle multe e lo avrebbe fatto in almeno quattro occasioni. Italo De Vito, 55 anni, agente di Polizia municipale di Copertino in servizio a Galatina, ha patteggiato due anni di reclusione – pena sospesa – dinanzi al gip Simona Panzera con l’accusa di peculato. La via più breve, a livello processuale, è stata adottata dall’avvocato difensore Carlo Gervasi dopo che la pena era stata concordata con il pubblico ministero Elsa Valeria Mignone.

Le indagini furono avviate nel maggio di un anno fa sulla scorta di una serie di denunce anche se potrebbero essere stati molti altri gli automobilisti raggirati per cifre esigue che hanno preferito sorvolare sulla possibilità di presentare denuncia. Alcune volte, infatti, il vigile urbano è intervenuto pagando non appena agli automobilisti arrivava la cartella esattoriale da Equitalia.

Nel corso delle indagini De Vito è stato ascoltato dagli inquirenti ma la sua colpevolezza era alquanto evidente dopo tutte le denunce presentate in caserma. Il “malaffare”, da quanto se ne sa, era risaputo dagli stessi colleghi di De Vito. Prima di questo episodio, i vigili erano abituati ad incassare e versare sul conto del Comune le somme delle multe.

Dopo quanto successo l’amministrazione comunale si è cautelata “imponendo” ai vigili di rilasciare un bollettino postale. Il comune di Galatina si era costituito parte civile per tre automobilisti e nei confronti del vigile urbano “infedele” è stato avviato un procedimento disciplinare tuttora in corso. Tenuto conto della sentenza di condanna De Vito rischia di perdere il posto di lavoro. Una della parti civili era assistita dall’avvocato Giuseppe Romano di Collemeto.

 

Fonte: www.corrieresalentino.it

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *