Questo articolo è stato letto 5 volte

San Bonifacio – Dai «gialloni» ai «blu»: i nuovi aiutanti dei vigili

agenti1

agenti1Sostituirà i vecchi «gialloni», sarà in divisa blu e potrà multare. Il comandante della Polizia locale annuncia un «cambiamento epocale» nella sicurezza. Stanno infatti partendo interventi per garantire ordine e sicurezza sulle strade che vede impegnato il corpo di Polizia municipale comandato da Vincenzo Di Carlo: «Il Comune ha dato corso a molti cambiamenti: dall’inizio dell’anno scolastico, l’associazione Carabinieri in congedo, assiste in entrata ed uscita gli alunni delle elementari di Locara, oltre che di tutte le altre scuole. Ha preso servizio il nuovo “Operatore della Mobilità Urbana”, che presto sarà coadiuvato da un secondo operatore. A differenza dei vecchi accertatori della sosta, i “gialloni”, l’operatore avrà compiti di prevenzione e di accertamento di infrazioni relative alla sosta o alla fermate vietate. Se l’accertatore poteva intervenire solo nelle aree di sosta a pagamento, il nuovo operatore avrà competenza su tutto il territorio e potrà anche far rimuovere i veicoli sanzionati.
Avrà una divisa blu, simile a quella dei vigili. Queste due decisioni», sottolinea Di Carlo, «consentiranno di impiegare gli agenti di polizia in altri servizi. Ci sarà personale per servizi viabilistici e di controllo in via circonvallazione Est, alla stazione dei bus, per l’assistenza al passaggio degli studenti delle superiori: problema sollevato più volte. Con l’assistenza nell’attraversamento, saranno monitorati, affrontati e risolti, altri problemi: quello della pericolosità per i pedoni e quello del rallentamento dei veicoli nelle ore di punta; la volontà è quella di attivare un controllo delle aree di attesa alla stazione autobus, dove spesso sono presenti personaggi che nulla hanno a che fare con gli studenti e con i clienti dei bus».

Conclude il comandante: «Altro servizio che verrà attivato prossimamente, sarà il controllo della velocità sulle strade dove si preme di più l’acceleratore con l’uso di strumentazioni già in possesso della Polizia Locale o di nuova acquisizione».
Tutto ciò avviene alla vigilia della settimana della sicurezza, che si terrà dall’11 al 16 novembre e che si è data il motto «L’educazione di un popolo si giudica dal contegno ch’egli tien per la strada», frase tratta da «Cuore» di Edmondo De Amicis.
Dice l’assessore Gianni Storari: «La gente si lamenta per l’eccessiva velocità degli automobilisti e dei pericoli per pedoni e ciclisti, di parcheggi selvaggi in zone non consentite o sui marciapiedi, di camion che percorrono strade a loro vietate, di incuria, mancanza di rispetto, sporcizia e l’elenco potrebbe continuare», sottolinea Storari. «L’invito è che ciascuno di noi non sporchi, non usi male la strada e gli spazi pubblici e concorra a tenere pulito e in ordine le aree che gli stanno intorno. Noi amministratori abbiamo il dovere di intervenire e, se serve, di reprimere».

 

 

Fonte: www.larena.it

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *