Questo articolo è stato letto 0 volte

Un radar ogni chilometro per scovare le auto contromano

radar-autostrada

radar-autostradaUn radar in autostrada per rilevare auto contromano o pedoni sulle corsie. Già sperimentato in Svezia, il dispositivo è ora in fase di test con otto esemplari installati su quattro autostrade italiane. Il sistema di rilevamento viene utilizzato esclusivamente per motivi di sicurezza, non per comminare multe, ma potrebbe contribuire a rendere più sicure le nostre autostrade: il radar infatti rileva tutte le condizioni anomale, dai veicoli fermi in mezzo alla carreggiata o sulla corsia di emergenza ad auto in contromano, da code improvvise fino ai detriti presenti sul manto stradale. Rispetto alle telecamere, i radar consentono una maggior precisione perché non sono influenzati dalle condizioni atmosferiche o dalle ombre dovute al calare del sole. Una volta rilevata l’anomalia il sistema radar lancia l’allarme alla centrale operativa del concessionario autostradale e aziona automaticamente, se presente, una telecamera e i pannelli a messaggio variabile.

Meno manutenzione e raggio più ampio

I vantaggi di Navtech ClearWay, questo il radar commercializzato in Italia da Crisma security e che è già installato sulle autostrade di Stoccolma, sono anche di tipo economico: un singolo radar infatti controlla 800 metri di tratto autostradale contro i circa cento di una telecamera del sistema «Aid» (Automatic incident detection) e necessita di pochissima manutenzione. Il radar è una delle anteprime italiane protagoniste di Sicurezza, fiera biennale di Security & Fire Prevention dal 12 al 14 novembre a Fiera Milano. Tra le novità in mostra, oltre al radar sistemi per il controllo degli appartamenti e delle case.

E’ infatti la domotica a farla da padrone. Il crescente interesse verso queste soluzioni è anche confermato dai numeri del settore, che viaggia in controtendenza all’andamento economico generale e continua a registrare una crescita in positivo. Se a fine 2013 il comparto Sicurezza e Automazione edifici registrava una contenuta crescita del volume d’affari complessivo (+0,9%), beneficiando del positivo contributo sia del canale estero sia della domanda interna, oggi mostra una decisa tendenza alla ripresa (+4,5%, dato stimato fonte ANIE Sicurezza).

 

 

Fonte: corriereinnovazione.corriere.it

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *