Questo articolo è stato letto 1 volte

Torino – I vigili multano le auto in doppia fila e scoppia la rissa con residenti e commercianti

verbale_multa

verbale_multaTensione in via Chiesa della Salute: due fornai fermati e portati alla centrale, i civic se ne vanno insultati dai passanti.

Momenti di tensione in tarda mattinata in via Chiesa della Salute. Una pattuglia dei vigili stava multando alcune auto parcheggiate in doppia fila, quando dai palazzi che si affacciano sulla strada e dai negozi sono usciti i proprietari.

Un dipendente della panetteria ha cercato di impedire ai civich di multare la sua vettura ed è stato portato via. Ne è nata una colluttazione durante cui una vigilessa è rimasta contusa. I civich hanno fermato anche un altro negoziante. A quel punto si è scatenata la rabbia del quartiere: urla e insulti rivolti ai vigili, che dopo pochi minuti si sono allontanati dirigendosi verso il comando.

 

Fonte: www.lastampa.it

 

 

Fonte:

One thought on “Torino – I vigili multano le auto in doppia fila e scoppia la rissa con residenti e commercianti

  1. Certe notizie ormai non destano più scalpore.
    L’italia degli attuali italiani (certo non tutti) è composta dal tipico prototipo di soggetto qualunquista, ignorante e pressappochista.
    Questi “signori rivoltosi” sono i tipici esempi di coloro che, con le loro belle macchinette lucide e perfette, se ne vanno all’estero e, di ritorno nel bel paese, stupiti circolano in barba a tutte le più elementari regole di civile convivenza affermando: “sai sono stato in Svizzera, oh! ma li appena vai oltre il limite o butti una carta per terra ti multano subito, non c’è nessuno che passa col rosso o parcheggia in divieto”.
    Meditate gente… se l’Italia deve ripartire sarebbe ora di smettere, quando colti in fallo, di dire sempre: “ah ma quello lì ha fatto questo e quest’altro, sì ma io pago le tasse, sono senza lavoro oppure sto lavorando”. C’è sempre una scusa per tutto, l’italiano medio non sbaglia mai, e, anche se sbaglia, non deve essere sanzionato. Ma solo nello stivale, s’intende!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *