Questo articolo è stato letto 4 volte

Pisa – Scolari in gita su un autobus fantasma: scoperto conducente senza licenza e assicurazione

scuolabus

scuolabusL’uomo per oltre un anno aveva trasportato ignari passeggeri su un autobus granturismo intestato ad una persona deceduta nel 2012 e con contrassegno assicurativo falso. Si è giustificato dando la colpa alla crisi economica del momento.

Trasportava ignari studenti e turisti in visita alle bellezze della città a bordo di un autobus granturismo, senza alcuna licenza e con assicurazione falsa. Nei guai è finito un 45enne italiano, originario di Torino e residente in un comune del Lungomonte Pisano. A notare il veicolo in sosta, lo scorso mese di ottobre, a Calambrone, proprio a fianco del teatro all’aperto dedicato a Fabrizio De Andrè, la Polizia Municipale che però, anche in seguito ad appostamenti nei giorni successivi, non era riuscita a notare nessuno nei pressi dell’autobus. Tramite però alcuni controlli era emerso che il mezzo era intestato ad una persona deceduta nel 2012 e che il contrassegno di assicurazione esposto era falso.

Così nei giorni precedenti al ponte di Ognissanti, il veicolo è stato rimosso.

Le successive indagini hanno fatto sequestrare ulteriori due contrassegni falsi e risalire, tramite alcuni riscontri effettuati sia con compagnie telefoniche che con i check point per bus turistici della Toscana, all’utilizzatore, ovvero a colui che, senza licenza e senza assicurazione, aveva guidato il bus per più di un anno, trasportando centinaia di ignari passeggeri. Il 45enne, una volta convocato negli uffici della Polizia Municipale, ha spiegato che quanto commesso era frutto della crisi economica, ma questo non ha evitato che gli venissero notificati sia i verbali di violazione alle norme stradali, per i quali, complessivamente, le sanzioni ammontano a circa duemila euro, che gli atti penali relativi all’assicurazione falsa.

Nel corso delle indagini, inoltre, è stata sequestrata una Mercedes, utilizzata sempre dall’uomo, che circolava senza assicurazione.

 

Fonte: www.pisatoday.it

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *