Questo articolo è stato letto 0 volte

Semplificazione PA, ci siamo: Pin Unico, pagamenti elettronici, tassa unica sulla casa. Tutti i punti

pc-computer

pc-computerLa semplificazione PA è tracciata: il piano c’è, ora bisogna perseguirlo. L’ultimo Cdm ha infatti varato l’Agenda per la semplificazione della Pubblica amministrazione 2015-2017, unpacchetto di 38 azioni che ha l’obiettivo dichiarato di semplificare il rapporto cittadini-burocrazia. Cinque, i grandi campi del piano di Semplificazione PA: cittadinanza digitale, welfare, fisco, edilizia e impresa. Ecco tutti i punti nel dettaglio.

Si chiamerà Spid, sistema unico di identità digitale e consentirà al cittadino l’accesso in sicurezza a tutti i siti web che erogano servizi online (Inps, scuola, Agenzia entrate ecc). Si parte ad aprile 2015 con l’obiettivo di avere 10 milioni di utenti a dicembre 2017.

L’obiettivo finale è che cittadini e imprese possano, finalmente e senza nessun ostacolo,effettuare pagamenti elettronici per multe, tributi, rette scolastiche, bollette e quant’altro. Si potrà fare con il codice Iuv (codice identificativo univoco del versamento). Fine 2016 è la teorica deadline. Con questo sistema si dovrebbe poter pagare anche la marca da bollo digitale.

Il verbale di disabilità sostituirà le diverse certificazioni ora richieste. Si punta a ridurre costi e tempi entro dicembre 2015. Il Governo punta anche a rendere possibile l’accesso online ai referti sanitari (dicembre 2016) e alla prenotazione delle prestazioni sanitarie per telefono, online o in farmacia attraverso i cup (dicembre 2016).

Verrà introdotta un’unica tassa sulla casa ”semplice da calcolare e da pagare” entro dicembre 2015. Resta il dubbio se coincida – o meno – con la Local Tax di Matteo Renzi.

A partire dalla dichiarazione sui redditi 2014 i lavoratori dipendenti e i pensionati potranno accedere direttamente online alla propria dichiarazione precompilata dall’Agenzia delle entrate (tempo di realizzazione aprile 2015). A partire dall’anno successivo sarà possibile avere la dichiarazione precompilata anche con le spese sanitarie grazie ai dati raccolti con la tessera sanitaria.

Sarà possibile fare la dichiarazione di successione online inoltrando con lo stesso adempimento la domanda di voltura catastale e di trascrizione (la sperimentazione dovrebbe iniziare a dicembre 2015 per concludersi a dicembre 2017).

E’ prevista anche la semplificazione e il coordinamento dei controlli sulle imprese e la modulistica standardizzata per gli adempimenti ambientali. Le azioni di semplificazione nei confronti dell’impresa secondo il piano del Governo dovrebbero produrre a regime la riduzione dei costi burocratici di ”almeno il 20%”. Il primo pacchetto di leggi arriverà entro fine 2015.

 

Fonte: www.comuni.it

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *