Questo articolo è stato letto 0 volte

Fucecchio – Guerra alla sosta selvaggia, bici sequestrate dai vigili urbani

biciclette

bicicletteNon si ferma la “crociata” contro le biciclette legate agli arredi urbani sul territorio fucecchiese: dopo le rimozioni dei giorni scorsi in piazza Montanelli, infatti, a breve partiranno anche quelle in piazza Cavour, nel centro storico alto, ovviamente per lo stesso motivo di piazza Montanelli, cioè il non rispetto dell’articolo sette del regolamento di polizia urbana, che tra le altre cose recita che non si possono “abbandonare” mezzi del genere legandoli agli arredi urbani perché così facendo si rischia di creare intralcio alla circolazione stradale.

Già nello scorso fine settimana gli operai del cantiere comunale – insieme al personale della polizia municipale – avevano provveduto a rimuovere sette mezzi legati alle ringhiere del nuovo teatro Pacini, nonostante tutta una serie di avvisi e di cartelli sconsigliasse un comportamento del genere da parte di questa categoria di utenti della strada. Quelle bici vennero portate al comando dei vigili, al quale i proprietari si devono rivolgere per riavere indietro il mezzo a due ruote, cosa che qualcuno ha già fatto. E’ anche prevista – da regolamento – una sanzione di venticinque euro.

E ora tocca a piazza Cavour, dove i vigili urbani si sono già recati per comprendere l’entità del problema, che qui è più ampio rispetto alla piazza “bassa”: ci sono bici ma anche motorini, che d’inverno vengono avvolti in nailon di grosse dimensioni per preservarli dalle intemperie. Dai prossimi giorni non sarà più possibile, in quanto i mezzi verranno rimossi. E per ovviare al problema del parcheggio saranno inserite delle rastrelliere, oltre che fare degli stalli di sosta per i motorini.

In ogni caso, come precisa il sindaco Alessio Spinelli, la piazza era, è e rimarrà pedonale:« L’avevo detto in campagna elettorale e qui lo ribadisco: il centro storico alto dovrà ospitare meno automobili, grazie anche ai varchi elettronici, con accessi a certe aree consentiti solo ai residenti. E poi è anche una questione di decoro del nostro centro storico: quei mezzi lasciati lì così non si possono vedere e per questo – se dovessero continuare ad essere presenti – verranno rimossi materialmente. I preavvisi non servono, qualche volta servono pure le maniere “forti”».

Per cui – per evitare ogni polemica – sarà meglio lasciare il mezzo nelle apposite rastrelliere che verranno installate a stretto giro di posta. E per i motorini – come anticipato – ci saranno dei posti dedicati, perché è ovvio che non si possono tenere in casa, specie se non si ha un garage. Il centro storico sembra sempre più destinato ad essere aperto ai pedoni e meno agli altri utenti della strada. E gli esempi sono molti: dagli ascensori ai divieti di sosta in via Castruccio, solo per fare due esempi.

 

 

Fonte: iltirreno.gelocal.it

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *