Questo articolo è stato letto 0 volte

Arezzo – Polizia municipale: stangata sulla Ztl, l’aumento è del 20%. In aumento le multe (+8%) ma non per la sosta

polizia-municipale

polizia-municipale“La polizia municipale – ha dichiarato stamani l’assessore Barbara Bennati presentando l’attività 2014 del Corpo – è un elemento fondamentale per garantire legalità e sicurezza in città. Il nostro obiettivo è quello di rafforzare gli interventi di prossimità sul territorio intensificando la collaborazione con le altre forze di polizia, garantendo la nostra postazione mobile anche nelle periferie, migliorando la strumentazione degli agenti cominciando dal potenziamento del ponte radio e dei dispositivi di autodifesa come i giubbotti antiproiettile.

E’ pronta una bozza di Carta dei Servizi della PM per migliorare il rapporto con i cittadini e porre le basi concrete di una vera alleanza per una sicurezza responsabile e diffusa. Stiamo ovviamente lavorando per la conclusione della vertenza sindacale aperta e per nuove assunzioni”. La sicurezza stradale continua ad essere un problema. Le violazioni accertate al Codice della strada sono passate da 59.302 a 64.129, con un aumento dell’8%. La causa prima sono state le infrazioni alla Ztl, che hanno avuto una crescita di oltre il 20%, a fronte di un calo di quelle per divieto di sosta. Gli incidenti stradali sono aumentati, passando dai 739 del 2013 agli 824 dello scorso anno. C’è stato anche un morto in più: da 5 a 6.

Le cause principali sono riconducibili al comportamento dei conducenti: mancato rispetto della segnaletica stradale, omessa precedenza, mano da tenere… I pedoni hanno pagato un prezzo molto alto: 63 investimenti di cui 2 con esito mortale. E questo nonostante il lavoro di controllo e prevenzione della Polizia Municipale: sono stati effettuati 700 posti di controllo e verificati 3.400 veicoli. Tra i tipi di incidenti, quelli più diffusi sono gli scontri frontali/laterali (282), i tamponamenti (147), laterali (142) e fuoriuscite di strada (62). Ci sono giorni peggiori degli altri per gli incidenti. Quello “nero” è il martedì (147), poi lunedì e giovedì (136), mercoledì (128), venerdì (121), sabato (93) e domenica (63).

Per quanto riguarda l’accertamento delle violazioni che incidono maggiormente sulla sicurezza stradale, i dati registrano un aumento delle violazioni per velocità pericolosa (300 nel 2014 e 257 nel 2013); omessa revisione (255 nel 2014 e 194 nel 2013); mancato uso di cinture di sicurezza (273 nel 2014 e 244 nel 2013); guida in stato di ebbrezza alcoolica (19 nel 2014 e 13 nel 2013). E’ aumentato il numero delle violazioni accertate con strumentazione elettronica, in relazione agli accessi abusivi nella zona a traffico limitato (29.097 nel 2014 – 23.097 nel 2013). E’ rimasto pressoché invariato il numero dei divieti di sosta: 25.614 nel 2014 e 26.487 nel 2013 (questi numeri comprendono anche l’attività degli ausiliari della sosta). La Pm ha poi continuato l’attività di educazione stradale: più di 2000 gli alunni coinvolti con 200 ore di attività. Dalla sicurezza sulle strade a quella, più generale, nella città con il controllo del territorio finalizzata a migliorare la qualità della vita, il decoro urbano, la composizione dei conflitti.
Alcuni numeri: 240 servizi connessi alla lotta al degrado; 126 comunicazioni di notizie di reato; 11 indagati arrestati; 1.596 denunce e querele ricevute; 1.400 esposti gestiti. Importanti sono stati i servizi congiunti con la Polizia di Stato per contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nel quartiere di Saione. La Polizia Municipale continua ad essere punto di riferimento dei cittadini per tutta una serie di situazioni e di bisogni: 36.768 (33.052 nel 2013) le chiamate registrate alla Centrale Operativa e 12.363 le richieste di intervento prese in carico.

Molto importante l’attività della P.M. relativa a garantire la realizzazione di eventi, manifestazioni, fiere e mercati . Un’ulteriore competenza che si sta sviluppando è quella del contrasto all’evasione tributaria e fiscale: 41 le segnalazioni qualificate all’Agenzia delle Entrate; gli ambiti di intervento sono stati le verifiche della tassa di occupazione di suolo pubblico, le attività turistico – alberghiere e le residenze all’estero.

 

Fonte: www.lanazione.it

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *