Questo articolo è stato letto 0 volte

Bollo auto storiche, ogni Regione decide per sé!

Il bollo auto storiche (anzi, ex storiche dopo la modifica in Legge di Stabilità – al netto degli emendamenti in corso – che eliminano le agevolazioni per i veicoli storici, ossia quelli con più di 20 e meno di 30 anni, i quali dovranno pagare il bollo e passaggi di proprietà pieni) è nel caos più totale.

Pare che ogni singola regione si stia muovendo in totale autonomia sull’argomento, visto che il bollo auto è una tassa regionale: la Lombardia ad esempio ha deciso di mantenere l’agevolazione e altre amministrazioni regionali stanno pensando di seguirla.

Cosa dice la nuova legge

Con la nuova disposizione, solo i veicoli ultratrentennali risultano esenti e soggetti al pagamento della sola tassa di circolazione, evitando quindi il bollo auto storiche. I veicoliultraventennali (quelli usciti dai saloni tra il 1985 e il 1995) invece, dal 1° gennaio 2015 sono passati dal regime della tassa di circolazione al regime della tassa automobilistica di proprietà.

LA LISTA COMPLETA DELLE AUTO STORICHE CHE PAGHEREBBERO IL BOLLO CON IL NUOVO DDL

Autonomie regionali: chi tiene in vita l’esenzione

Solo in Toscana e Basilicata l’esenzione è confermata al 100%.

Dove si lavora per tenere in vita l’esenzione

La Lombardia ha deciso di tenere in vita l’esenzione sopra i venti anni, grazie a una norma varata a favore dei veicoli storici “iscritti nei registri”. Però, nel frattempo, sul sito ufficiale si legge che le auto sopra i 20 ma sotto i 30 anni debbano pagare il bollo di 30 euro le auto, 20 i motocicli.

A riflettere sul tema e, probabilmente, a ‘imitare’ la Lombardia sarà ora il Veneto, che coinvolge un numero cospicuo di appassionati con veicoli ultraventennali.

In Campania è stata appena presentata una proposta che mantenga immutata la leggein regione così come fino al 31 dicembre scorso. Se passerà in tempo, allora, non ci sarà alcun obbligo di pagamento completo per chi possiede auto e moto da vent’anni o più. In Sardegna, infine, è stato chiesto un intervento urgente per bloccare l’aumento

Dove si pagherà secondo la nuova legge

Liguria (bollo intero), Emilia-Romagna (25,82 euro auto e 10,33 moto), Marche, Umbria, Puglia: qui la nuova legge è stata completamente recepita.

Casi particolari

In Trentino Alto-Adige le auto di 20 anni senza certificazioni pagano tassa solo se circolano, a misura piena, e solo i trimestri che circolano; le auto di 20 anni con certificazioni, sono esenti se hanno riportato sul libretto la qualità di veicolo storico ex art. 60 Codice della Strada.

In Lazio si paga in base alla classe di inquinamento, mentre non c’è nessuna notizia da Sicilia, Friuli, Abruzzo, Molise e Calabria. In Piemonte e Valle d’Aosta i pagamenti sono stati sospesi in attesa di pronunce definitive.

Fonte: www.comuni.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *