Questo articolo è stato letto 34 volte

Gaiola (CN) – Il sindaco-vigile fa le multe con l’autovelox

vigile-controllo-strada

vigile-controllo-stradaSicurezza stradale: il sindaco di Gaiola (Cuneo) Fabrizio Biolè si arrangia come può. Non avendo vigili, racconta lastampa.it (foto), si è improvvisato poliziotto e, due volte la settimana, affitta e gestisce in proprio un autovelox. Lo piazza all’ingresso di Gaiola e chi supera i limiti si riceve un verbale. “Sì, sono io a fare i controlli – racconta Biolè – assieme a un tecnico dell’agenzia che ci affitta l’autovelox. Anche l’auto è loro. Ci mettiamo in quel punto perché la colonnina arancione non è utilizzabile, dobbiamo spostarla. È legale? Io sono convinto di sì. So che altri sindaci l’hanno fatto in passato. Noi abbiamo un solo vigile, che però è in congedo per malattia da tempo. Io, come ufficiale di polizia giudiziaria, in un territorio in cui non ci sono carabinieri o polizia, posso fare i controlli. Anzi, d’ora in avanti cambieremo anche i giorni. Lo faremo anche al sabato e alla domenica. Se devo scegliere tra sicurezza e impopolarità preferisco la prima: ci sono stati passaggi anche ai 90 km/h in centro abitato, col limite di 50 km/h. Se lo faccio per fare cassa? No, ma con la metà dei proventi delle multe posso liberare risorse per fare altre cose per il paese“. E di multe ne ha già fatte 400, cento al mese piazzandosi lungo la statale 2 volte la settimana.

 

CHE COSA DICE LA LEGGE – SicurAUTO.it, con l’aiuto di poliziamunicipale.it, ha voluto capirci di più, mettendo il naso nei cavilli di legge. Dunque, l’articolo 12 del Codice della strada dice che l’espletamento dei servizi di polizia stradale previsti dal codice spetta in via principale alla specialità Polizia stradale; alla Polizia di Stato; all’Arma dei carabinieri; al Corpo della guardia di finanza; ai Corpi e ai servizi di polizia provinciale, nell’ambito del territorio di competenza; ai Corpi e ai servizi di polizia municipale, nell’ambito del territorio di competenza; ai funzionari del ministero dell’interno addetti al servizio di polizia stradale; al Corpo di polizia penitenziaria e al Corpo forestale dello Stato, in relazione ai compiti di istituto. Ma attenzione. L’espletamento di quei servizi (l’accertamento delle violazioni al Codice della strada) spetta anche ai rimanenti ufficiali e agenti di polizia giudiziaria indicati dal Codice di procedura penale. Ed ecco quindi un primo ok al sindaco che usa l’autovelox.

 

È QUI LA CHIAVE – E chi sono gli ufficiali e agenti di polizia giudiziaria? Vediamo l’articolo 57 del Codice di procedura civile. Sono ufficiali di polizia giudiziaria i dirigenti, i commissari, gli ispettori, i sovrintendenti e gli altri appartenenti alla polizia di Stato ai quali l’ordinamento dell’amministrazione della pubblica sicurezza riconosce tale qualità. Lo sono anche gli ufficiali superiori e inferiori e i sottufficiali dei carabinieri, della guardia di finanza, degli agenti di custodia e del corpo forestale dello Stato nonché gli altri appartenenti alle predette forze di polizia ai quali l’ordinamento delle rispettive amministrazioni riconosce tale qualità. Qui sta il cuore: lo è pure il sindaco dei Comuni ove non abbia sede un ufficio della polizia di Stato ovvero un comando dell’arma dei carabinieri o della guardia di finanza.

 

MORALE DELLA FAVOLA – Il sindaco è perfettamente in regola. Ovviamente, ci sono anche altri parametri da rispettare: il preavviso con cartellonistica adeguata e alla distanza corretta, anzitutto. La notifica del verbale a casa entro 90 giorni dall’infrazione, e non certamente da quando chi ha dato la multa guarda la foto: questo è un errore gravissimo del Comune di Milano, che sta subendo una sconfitta via l’altra in sede di ricorso da parte degli automobilisti. Le intenzioni di Biolè, invece, vi paiono ottime, ossia migliorare la sicurezza, e non fare cassa calpestando il Codice della strada e il buon senso.

 

Fonte: www.sicurauto.it

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *