Questo articolo è stato letto 7 volte

Treviso – Telecamere nascoste per l’esame di guida, denunciati

guida_volante

guida_volanteSmascherata un’organizzazione criminale composta da cittadini pakistani che, attraverso una sofisticata  strumentazione tecnologica nascosta, forniva tutte le risposte al candidato all’esame teorico per il conseguimento della patente di guida alla Motorizzazione Civile di Treviso. L’operazione, condotta dalla Polizia Stradale, è stata chiamata “Easy driver”.

Sono stati denunciati, in stato di libertà, due cittadini pakistani A.M di anni 44 e H.S., 27,  ed è stato arrestato in flagranza di reato del cittadino pakistano H.J. di anni 28, il quale dopo essere stato pedinato è stato bloccato all’atto di ricevere la somma di 1.300 euro.

L’attività investigativa permetteva di individuare più candidati di origine indiana e pakistana che, in diverse occasioni, attraverso microtelecamere occultate al posto di bottoni della camicia indossata e microauricolari occultati all’interno della cavità uditiva, trasmettevano a terze persone localizzate in altri luoghi l’immagine del quiz teorico finalizzato al conseguimento della patente di guida italiana visualizzato sul monitor della Motorizzazione di Treviso, ricevendo conseguentemente le risposte corrette al test informatizzato proposto  fornite da chi riceveva l’immagine fraudolentemente sottratta. Il prezzo stabilito dall’organizzazione criminale per la fornitura completa di tutta la strumentazione tecnologica e i suggerimenti durante l’esame era compreso tra i 1.300 e i 1.600 euro a candidato.

L’ingegnoso sistema potrà costare ai soggetti coinvolti una condanna da 1 a 5 anni di reclusione.

 

 

Fonte: tribunatreviso.gelocal.it

 

 

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *