Questo articolo è stato letto 3 volte

Altopascio (LU) – Filo diretto su WhatsApp con la polizia municipale: ecco come migliorare il controllo del territorio

sms-cellulare-messaggio

sms-cellulare-messaggioVerrà istituzionalizzata a Altopascio la nuova idea di realizzare ronde “telefoniche” attraverso la creazione di gruppi che utilizzino  l’applicazione WhatsApp, che permette di condividere con gli appartenenti al gruppo ogni comunicazione, nel momento in cui uno di essi la scrive. L’esperimento è stato sviluppato al Nord e piano piano sta trovando sempre nuovi estimatori. Ad Altopascio si prova a fare un passo avanti, ovvero incentivare questi gruppi e collegarli tutti con la Polizia Municipale. Un sistema che potrebbe essere rivoluzionario, perché amplierebbe a dismisura le informazioni a disposizione in tempo reale della polizia municipale, che ottimizzerebbe in questo modo le uscite sul territorio, scegliendo i luoghi oggetto di segnalazioni, e coordinando anche il ricorso alle altre forze dell’ordine, rendendo efficacissimo questo strumento. “Siamo certamente favorevoli a ogni collaborazione fra cittadini, in qualunque modo consentito dalla legge , per contrastare la criminalità- commenta il sindaco di Altopascio Maurizio Marchetti-. In questo senso abbiamo nel corso degli anni tentato anche di istituire delle ronde ufficiali, ma, nonostante una eccezionale affluenza ai primi corsi, ci fu di fatto vietato. Ora la tecnologia offre il modo di comunicare contemporaneamente a più persone e credo sia bene sfruttarlo. Di nostro ci aggiungiamo il collegamento con la polizia municipale, in modo da creare una grande rete fra cittadini e istituzione che possa in diretta monitorare il territorio. Potrebbe essere davvero la quadratura del cerchio che unisce risparmio a efficacia”. La situazione è allo studio sotto il profilo tecnico. Il numero che verrà scelto è quello attivo da anni della polizia municipale 335-8030440 e dal 1 marzo sarà possibile agganciarlo a qualunque gruppo su WhatsApp, diffusissimo e ormai installato su ogni smartphone.

Fonte: www.gonews.it

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *