Questo articolo è stato letto 0 volte

Bari – Monumenti imbrattati dai writer, pugno duro del sindaco: “Multe fino a 500 euro”

writer

writerPugno duro contro gli imbrattatori di palazzi pubblici e privati e multe salate sino a 500 euro. Arriva la crociata del sindaco di Bari Antonio Decaro contro i writers che deturpano a colpi di scritte e di bombolette spray muri, monumenti e palazzi. Stanco dei continui episodi, prima la Colonna Infame, poi il busto di Armando Diaz e, infine in ordine cronologico, gli esterni del teatro Margherita e  le pietre della Muraglia, il sindaco ragiona su una possibile ordinanza che possa arginare a suon di multe e di denunce questo scempio urbano.

“Valuterò gli effetti del programma di Bari per Bene, avviato sul quartiere Madonnella e in base alle risposte dei cittadini deciderò” spiega Decaro. “L’ordinanza è pronta nel mio cassetto da mesi e chiedo ai baresi di non costringermi a firmarla”. Da diverse settimana infatti i vandali sono tornati all’attacco quasi in una sorta di sfida all’amministrazione pubblica. Il sindaco ha comunque trasmesso il provvedimento agli uffici competenti e nelle prossime ore si deciderà sull’entrata in vigore.

A farlo andare su tutte le furie soprattutto le scritte apparse sul teatro Margherita – il 23 febbraio ospiterà il ministro ai Beni Culturali, Dario Franceschini per la cessione finale al patrimonio del Comune – e quelle della Muraglia, ripulita appena qualche settimana fa dall’Amiu. Non da meno le altre scritte che hanno deturpato le facciate laterali della Basilica di San Nicola, uno dei luoghi simbolo della storia e della fede religiosa.

 

Fonte: bari.repubblica.it

 

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *