Questo articolo è stato letto 2 volte

Treviso – Comune approva ronde cittadini

ronde-cittadine

ronde-cittadineIl Comune di Treviso sta preparando un progetto di sicurezza partecipata, con l’approvazione del ministero dell’Interno e della prefettura, per cercare di normare le sempre più frequenti “ronde” di cittadini che si organizzano per monitorare il loro territorio. Si chiamerà «controllo del vicinato» ed è stato adottato a Lucca da qualche tempo.

«Un intervento efficace, tempestivo e legittimato, più delle ronde – commenta sul Corriere del Veneto il vicesindaco e assessore alla sicurezza Roberto Grigoletto -. La minoranza sta facendo campagna elettorale su questo tema, anche dopo le risposte date in consiglio comunale alla seduta tematica. Il problema c’è stato in passato e ci sarà, ma noi cerchiamo di affrontarlo per contenere il numero di reati, furti e rapine a Treviso».

Il cittadino-controllore sarà in contatto con la polizia locale, e segnalerà movimenti sospetti o reati in corso. Non potranno intervenire, ma resteranno in costante contatto con la centrale. «Il progetto che lanceremo coinvolge realmente i cittadini» spiega Grigoletto, superarando il «fa-da-te» delle ronde online lanciate con clamore nei mesi scorsi.

 

 

 

Fonte: www.vvox.it

 

 

 

 

Fonte:

2 thoughts on “Treviso – Comune approva ronde cittadini

  1. Visto il susseguirsi degli eventi di criminalità riscontrati nella zona di Treviso e l’organizzazione da parte dei cittadini nel perlustrare il territorio con ronde notturne ci offriamo come operatori di sicurezza per affiancare suddette ronde con unità cinofile di supporto già operative nel territorio di Roma. I cani in questione sono addestrati per lo scopo di perlustrazione e ricerca di malviventi nascosti. Ringraziando per l’attenzione porgiamo Distinti Saluti.

    In allegato video dimostrativo delle nostre unità : https://www.youtube.com/watch?v=bQpbCAvSKsM

  2. L’istituzione delle ronde di privati cittadini, come l’impiego dell’Esercito per motivi di polizia, sono l’icona dell’inefficenza del “sistema polizia” in Italia. Con buona pace dell’onesto contribuente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *