Questo articolo è stato letto 1 volte

Cuneo – La Federazione Ambulanti in difesa dell’operato della Polizia Municipale

vigili_2

vigili_2I vigili hanno fatto soltanto il loro lavoro, non è giusto colpevolizzarli” così il presidente provinciale della Fiva, Federazione Italiana Venditori Ambulanti di Confcommercio, a commento del fatto di cronaca dei giorni scorsi che sta facendo discutere e il cui video sta spopolando in rete e sui social media, con già oltre 100 mila visualizzazioni.

Per legge sono previste aree adibite al commercio ambulante itinerante, caso in cui si inscrive perfettamente il fatto di cronaca a cui si fa riferimento. Si tratta di zone in cui è possibile sostare soltanto per un’ora e poi è obbligatorio spostarsi – spiega Gualtiero Chiaramello -. Sono disposizioni di legge che vanno rispettate ed è giusto e sacrosanto che i vigili le facciano rispettare, come è accaduto in quel caso specifico di cui tanto si sta discutendo. La Polizia Municipale stava facendo regolarmente il suo lavoro, per questo ci sembra assurdo che ora venga attaccata”.

Il fatto di cronaca risale allo scorso giovedì pomeriggio, quando un ambulante di Savigliano, venditore di frutta, era in corso Nizza con il suo camioncino ed è stato controllato dalla Polizia Municipale perché “svolgeva l’attività in maniera non conforme alla normativa sul commercio”, con un tipo di infrazione che comporta il sequestro della merce. Dopo il controllo, c’è stata una colluttazione con alcuni agenti, l’ambulante è stato ammanettato e portato per controlli nel comando di via Roma. Due agenti della Polizia Municipale sono rimasti feriti in modo lieve e nei giorni scorsi il video delle fasi dell’arresto è stato pubblicato on line ed è diventato virale, con oltre 100 mila visualizzazioni.

Come ambulanti – conclude Gualtiero Chiaramello – ci è capitato spesso di chiedere alla Polizia Municipale di far rispettare le regole, perché esiste una normativa precisa e specifica in fatto di commercio ambulante e itinerante, che è giusto venga rispettata. Di solito non si fanno registrare grossi problemi in questo ambito, ma la legge è uguale per tutti ed è giusto che tutti la rispettino, indipendentemente dal fatto che la si ritenga giusta oppure no. In questo caso i vigili stavano facendo il loro lavoro e non ci sembra giusto che vengano messi in croce per questo”.

 

 

Fonte: www.targatocn.it

 

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *