Questo articolo è stato letto 0 volte

Feltre – Il bus senza controllo fermato da tre ragazzi

Sono stati tre ragazzi di nemmeno diciotto anni (due sono del 1997 e uno del 1998), tre amici fonzasini ma di origine straniera, a salvare loro stessi e anche tre ragazze a bordo della stessa corriera sabato sera da un incidente stradale peggiore di quello che è avvenuto .

Sabato sera Youness Guassab, Hicham Haddaji e Nabil Fent – questi i loro nomi – decidono di andare a fare un giro a Feltre prendendo il pullman. Seduti nella prima fila del bus della Trentino Trasporti si accorgono che l’autista, mentre è al volante, ha un malore e sviene. Il mezzo, sul quale viaggiano in sei, inizia a sbandare paurosamente mentre sta imboccando la Culiada, proveniente da Fiera di Primiero verso Feltre.

I tre amici sono saliti alle 18.15 a Fonzaso, Nabil è seduto dietro all’autista, mentre sull’altro lato hanno preso posto Youness e Hicham, che in un primo momento pensano che la corriera abbia fatto zig zag per evitare qualcosa, una buca o un riccio (è appena passata Santa Lucia quando si sposta a sinistra e poi a destra). Ma il conducente si è accasciato sul volante, ormai privo di sensi. E i due ragazzi sulla destra che lo vedono bene sono i primi a capire che il mezzo è totalmente fuori controllo. 

E intervengono, scattando in piedi e buttandosi verso di lui. Il più giovane, Youness Guassab, diciassettenne marocchino di nascita che vive a Fonzaso, scuote l’autista per provare a rianimarlo, ma nulla. Hicham Haddaji cerca di capire quale sia il pulsante del freno a mano. Intanto vedono la corriera spostarsi nella corsia sinistra, da dove sta sopraggiungendo una macchina, però non si fanno prendere dal panico. Afferrano il volante e sterzano sulla destra per rimettere dritta la corriera, ma nel raddrizzarla, questa scivola dall’altra parte ed esce di strada colpendo un albero con il muso. Poi Youness, Hicham e Nabil sbloccano la porta posteriore, la aprono e fanno uscire le tre ragazze che erano sedute dietro.

Fonte: corrierealpi.gelocal.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *