Questo articolo è stato letto 1 volte

Art. 186 C.d.S. – diritto dell’imputato all’ammissione delle prove – il teste avrebbe indicato una circostanza decisiva, ovvero che l’imputato aveva bevuto due grappe subito dopo essere uscito di strada autonomamente e prima dell’arrivo del 118 e della polizia – Corte di Cassazione, 13/4/2015

art-186-c-d-s-diritto-dellimputato-allammissione-delle-prove-il-teste-avrebbe-indicato-una-circostanza-decisiva-ovvero-che-limputato-aveva-bevuto-due-grappe-subito-dopo-essere-uscito-di-stra.jpg

La Corte: il diritto dell’imputato all’ammissione delle prove (art. 495, c.p.p.) non può subire compressioni se non quando le prove richieste siano appunto manifestamente superflue o irrilevanti.

Vedi il testo della Sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *