Questo articolo è stato letto 0 volte

Una donna, si vede recapitare prima un “verbale di contestazione di violazioni al Codice della Strada” e poi una conseguente cartella esattoriale per quasi 250 euro. La violazione contestata è un ‘divieto di sosta’ contestato a un ciclomotore, di cui la donna asserisce non essere “mai stata proprietaria, né possessore, né conducente” del veicolo. Ma l’obiezione si rivela tardiva… Corte di Cassazione Civile, 17/4/2015

una-donna-si-vede-recapitare-prima-un-verbale-di-contestazione-di-violazioni-al-codice-della-strada-e-poi-una-conseguente-cartella-esattoriale-per-quasi-250-euro-la-violazione-contestata.jpg

Vedi il testo della Sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *