Questo articolo è stato letto 1 volte

Automobilista fermato alla guida della propria vettura viene sottoposto a un primo test per verificare lo stato di alterazione. Irrilevante la necessità di un secondo test di conferma, se possono rivelarsi decisive altre circostanze che provino la situazione di alterazione psico-fisica – Corte di Cassazione Penale, 21/4/2015

automobilista-fermato-alla-guida-della-propria-vettura-viene-sottoposto-a-un-primo-test-per-verificare-lo-stato-di-alterazione-irrilevante-la-necessit-di-un-secondo-test-di-conferma-se-posso.jpg

Un uomo, fermato alla guida della propria vettura “si presentava con occhi notevolmente lucidi e con le pupille dilatate, e manifestava, altresì, un certo tremore e nervosismo”, stato di alterazione dimostrato da un test risultato positivo ai cannabinoidi.

Secondo l’automobilista, però, i giudici hanno commesso un grave errore. Essi, in sostanza, hanno trascurato il fatto che nel risultato del primo test – realizzato nel laboratorio di analisi chimico-cliniche di un’azienda ospedaliera – si evidenziava la “necessità di un secondo test di conferma”, mai effettuato.
Per la Suprema Corte non si può ignorare che, oltre a un “accertamento tecnico-biologico”, possono rivelarsi decisive, come in questo caso, altre circostanze che provino la situazione di alterazione psico-fisica.

Vedi il testo della Sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *