Questo articolo è stato letto 0 volte

Uber, vittoria in tribunale a Torino: “Servizio illegittimo, ma multe da annullare a due autisti”

Uber segna due punti nella sfida con il Comune a suon di multe, auto sequestrate e ricorsi. Dopo una prima sentenza, il mese scorso, che ha annullato i verbali inflitti dalla polizia municipale a un’autista donna che svolgeva corse grazie all’app statunitense sbarcata a Torino a fine 2014, un altro giudice di pace, la dottoressa Veglia, oggi si è espresso su altri due casi. Il magistrato aveva negato la sospensiva richiesta dall’avvocato di Uber, Repetti, ma ieri ha accolto nel merito i ricorsi del legale di Genova che per conto della società sta seguendo anche i casi torinesi. Le motivazioni si conosceranno la prossima settimana. Il giudice di pace ritiene il servizio illegittimo, ma ha ritenuto altresì illegittima, accogliendo il ricorso, l’applicazione delle violazioni degli articoli del codice della strada decisa dagli agenti della polizia municipale che hanno fermato i due driver. Soddisfatti i vertici di Uber Italia. Le due sentenze, per loro positive, di oggi vanno ad aggiungersi ad altri due ricorsi accolti ieri a Genova.

Fonte: torino.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *