Questo articolo è stato letto 1 volte

Il comportamento degli organi di polizia stradale nei sinistri stradali (Parte II) di Gaetano Noè

il-comportamento-degli-organi-di-polizia-stradale-nei-sinistri-stradali-parte-ii-di-gaetano-no.jpg

Alcuni aspetti deontologici del rilevatore
L’elemento deontologico assume nell’ambito dell’infortunistica stradale un’importanza fondamentale. Infatti, l’utente in tali circostanze si trova in una situazione di disagio e di turbamento psicologico; pertanto, il comportamento del rilevatore diventa di estrema rilevanza.
In primo luogo la tempestività dell’intervento assume importanza fondamentale in quanto, in situazioni di disagio, è necessario che il tempo trascorso dall’evento sia il più breve possibile.
All’arrivo sul posto del sinistro la regola fondamentale è la calma poiché la situazione sul posto potrebbe essere esagitata e nervosa a causa dell’emotività del momento. Questo atteggiamento deve essere accompagnato da un atteggiamento di umanità e comprensione del momento di sofferenza e disagio, ma il tutto contemperato da determinazione ed autorevolezza nell’agire.
Nella rilevazione del sinistro, un elemento importante è l’obiettività del rilevamento che si manifesta al momento dell’intervento astenendosi da rimproveri, giudizi su comportamenti tenuti sulla strada e successivamente astenendosi dal dichiarare attribuzioni di responsabilità o di torti. I rilievi sul campo del sinistro dovranno essere impostati in modo da raccogliere tutti gli elementi con imparzialità senza lasciarsi influenzare da pregiudizi maturati da prime impressioni o convinzioni colte sul campo.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *