Questo articolo è stato letto 6 volte

Biella – Automobilisti truffati dalla donna nuda: nessuna denuncia alla municipale

prostituzione

prostituzione“Attenzione sulla strada Santhià-Borgo d’Ale una donna a seno nudo chiede aiuto agli automobilisti ma è una truffa”. E’ questo l’appello che da qualche giorno circola sui social. Diversi i passanti che, incuriositi dalla presenza della giovane, si sarebbero fermati nel cuore della notte per prestarle soccorso. Peccato che, dopo pochi secondi, ad entrare in scena fossero dei complici della ragazza che avrebbero rapinato i malcapitati.

Decine secondo il web i passanti, tutti uomini, che avrebbero abboccato alla trappola tra cui anche un giovane biellese che ha dichiarato di essersi accorto della truffa prima dell’apparizione dei muscolosi e numerosi complici e di essere, per fortuna, riuscito  darsela a gambe prima che la situazione degenerasse. Al momento però nessuno degli episodi è stato denunciato ai carabinieri delle locali stazioni e nemmeno la polizia locale è stata contattato dalle vittime o dai passanti. “Abbiamo appreso della notizia sui giornali ma, sinceramente, non ne sappiamo nulla” spiega il comandante della polizia municipale di Tronzano. “Secondo quanto scritto sui social network il fatto sarebbe accaduto sul tratto di provinciale che si trova sul nostro territorio ma non ci siamo accorti di nulla e nemmeno i sopralluoghi, hanno evidenziato la presenza di queste persone”.

Ignari di tutto anche i dipendenti del Comune di Borgo d’Ale. “Lo abbiamo sentito dire e letto su Facebook ma non sappiamo se sia vero, Alcuni di noi, fanno quella strada ogni giorno e non hanno mai visto nulla”. Truffe conme questa non sarebbero però nuove agli onori della cronaca.  Cercando in internet, si trovano moltissimi casi analoghi in cui, ragazze in desabillé, diventano vere e proprie autrici di truffe ai danni di autisti ingenui: dalla truffa dello specchietto a quella della finta strisciata delle fiancate per finire con le  sexy richieste di elemosina ai semafori e quelle di aiuto nel cuore della notte,  magari, in abiti un po’ succinti proprio come accaduto a Tronzano.

 

 

Fonte: www.newsbiella.it

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *