Questo articolo è stato letto 0 volte

Verona – Pass disabili irregolari: la polizia municipale sorprende e punisce tre “furbetti”

Nel corso degli interventi di monitoraggio degli stalli riservati ai disabili sia in centro che nei quartieri periferici, la Polizia municipale negli ultimi giorni ha ritirato tre pass disabili, che venivano utilizzati in modo irregolare.
Il primo episodio è avvenuto lunedì, quando agenti del reparto Territoriale hanno controllato un’Alfa Romeo Giulietta parcheggiata nello spazio riservato agli invalidi in via dei Mutilati. All’interno dell’auto era esposto un permesso non leggibile nei dati essenziali, quali la scadenza, il comune di rilascio e il numero dell’autorizzazione. All’auto perciò sono state applicate le ganasce, rimosse in un secondo momento, all’arrivo del conducente: da controlli approfonditi è quindi emerso che il permesso era falso, clone di un pass invalidi rilasciato da un comune in provincia di Caserta ed intestato ad un familiare. L’utilizzatore, 30enne residente in città e con sede di lavoro poco distante, è stato perciò multato per aver parcheggiato irregolarmente sullo spazio riservato agli invalidi e denunciato all’autorità giudiziaria per aver utilizzato un permesso falso, che è stato sequestrato. Gli altri due episodi sono accaduti ieri, uno in Borgo Trento e l’altro in corso Porta Nuova.
Quest’ultimo ha riguardato una Ford Ka, parcheggiata da diverse ore ieri pomeriggio in corso Porta Nuova: la proprietaria, una signora veronese, è arrivata durante i controlli e gli agenti del reparto Territoriale hanno così potuto verificare che stava utilizzando in modo irregolare il permesso, intestato alla madre. A suo carico sono state perciò accertate le violazioni per aver parcheggiato nello spazio riservato ai disabili senza averne diritto e per aver usato irregolarmente il pass, per una sanzione complessiva di 134 euro, con ritiro del permesso per la sospensione della validità e decurtazione di due punti dalla patente.
Sempre ieri in via Todeschini gli agenti in servizio con l’Ufficio Mobile hanno controllato una Fiat Punto, parcheggiata negli stalli blu senza ticket poiché esponeva un permesso invalidi, categoria che può sostare gratuitamente. Dagli accertamenti è emerso che il permesso era in quel momento utilizzato da un familiare del disabile, probabilmente per recarsi al lavoro, poco lontano dal luogo di sosta. Il permesso, rilasciato dal comune di Verona, è stato quindi ritirato e l’automobilista multato sia per averlo utilizzato in modo improprio, sia per non aver pagato il ticket di parcheggio.

Abusare in via continuativa di un pass disabili legittimamente rilasciato è un comportamento inaccettabile” commenta il Comandante Luigi Altamura: “in città abbiamo quasi 9.000 pass disabili, un numero che in dieci anni, da quando è attiva la Ztl, è raddoppiato. E’ necessaria quindi la massima collaborazione sia dei medici che rilasciano la documentazione sanitaria, sia dei familiari dei veri disabili, che non devono usare con superficialità un documento che permette molte agevolazioni nella circolazione. I danni poi per le casse del comune per i mancati pagamenti del ticket sugli stalli blu ammontano a diverse decine di migliaia di euro l’anno. I controlli sull’utilizzo irregolare dei pass disabili saranno quindi ancora più stringenti, sia in centro che nei quartieri periferici, con l’uso del palmare collegato alla banca-dati Citypass provinciale. Chiediamo ai cittadini di segnalarci situazioni anomale alla casella polizia.municipale@comune.verona.it.”.

 

Fonte: www.veronasera.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *