Questo articolo è stato letto 2 volte

Bibbona – Blitz anti-abusivi in spiaggia: multe per 30mila euro

abusivismo-spiaggia

abusivismo-spiaggiaBlitz contro il commercio abusivo sulle spiagge di Marina di Bibbona. Durante l’operazione sono stati multati sei venditori per commercio senza licenza. Trentamila euro l’ammontare totale delle multe elevate agli ambulanti, quattro immigrati e due italiani, ai quali sono stati sequestrati seicento articoli fra abiti, articoli da mare e anche prodotti dolciari.
La maxi operazione per contrastare l’abusivismo commerciale sulla costa arriva a seguito del Comitato provinciale per l’ordine e sicurezza pubblica svoltosi lo scorso 30 giugno a Castagneto con la partecipazione dei sindaci della fascia costiera e i rappresentanti delle forze di polizia del territorio. Durante l’incontro è infatti emersa la necessità di intensificare l’attività di prevenzione, rafforzando nel il contrasto al fenomeno dell’abusivismo commerciale. Ecco che la questura di Livorno ha predisposto una serie di controlli lungo gli arenili che maggiormente sono esposti alla presenza di ambulanti abusivi, organizzando operazioni specifiche anche nell’immediato entroterra allo scopo di individuare insediamenti abitativi temporanei e depositi delle merci destinate alla vendita.
Il primo blitz anti-abusivi è andato in scena a Marina di Bibbona la mattina del 15 luglio. All’operazione, coordinata dal commissariato di polizia di Cecina, guidato dal dottor Alfredo Alabiso, hanno partecipato i carabinieri di Bibbona, la Guardia di finanza, il corpo forestale e la Polizia provinciale di Cecina, oltre che personale del comando polizia municipale di Castagneto-Bolgheri.
Un servizio durante il quale le forze dell’ordine hanno battuto l’arenile di Marina di Bibbona, arrivando a sequestrare circa 600 articoli fra capi d’abbigliamento, oggettistica da mare e prodotti alimentari tipo pasticceria che gli ambulanti vendevano sulla spiaggia senza alcuna licenza. Sei i commercianti abusivi che sono stati pizzicati, quattro extracomunitari regolari che vendevano principalmente abiti, e due italiani che invece smerciavano costumi da bagno, cocco e dolciumi. Tutti e sei, chiaramente, non avevano alcuna licenza per questo tipo di attività e quindi sono stati multati per commercio abusivo, ognuno con una contravvenzione da 5.000 euro.

 

L’operazione anti-abusivismo è proseguita sulle dune retrostanti l’arenile, esattamente tra il villaggio “I Sorbizi” e il bagno “Jolly Beach”, dove le forze dell’ordine hanno smantellato un insediamento abusivo. In terra, tra gli arbusti, sono state trovate varie tende e capanne con materassi, fornelli da campo con gas, candele e attrezzatura da campeggio. Attrezzatura che in alcuni casi poteva anche rappresentare un pericolo per eventuali incendi. La questura fa sapere che vista l’estensione dell’insediamento, si può ipotizzare che potesse ospitare oltre 10 persone e che verosimilmente fosse usato dai venditori ambulanti.

 

 

Fonte: iltirreno.gelocal.it

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *