Questo articolo è stato letto 3 volte

Piombino – Più guardie ambientali e multe salate

raccolta-differenziata-rifiuti-multa

raccolta-differenziata-rifiuti-multaRichiamo alla buona educazione con multe moltiplicate per due (in media 100 euro) e 12 volontari (del corpo di fauna ambientale, in divisa e senza stipendio) a fianco di polizia municipale e guardie ambientali Asiu per far rispettare le regole: dalle cacche dei cani non rimosse all’abbandono rifiuti, dai writers su qualunque edificio pubblico o privato, al volantinaggio.

«Nuovo regolamento di polizia municipale, integrato e modificato dagli uffici seguendo le indicazioni di cittadini e associazioni al voto del consiglio il 7 agosto» spiega l’assessore ai lavori pubblici e decoro urbano Claudio Capuano nell’incontro convocato in Comune; ci sono il comandante della polizia municipale Angela Galeazzi e Silvia Tempestini, per l’ufficio lavori pubblici.
È l’onda lunga (e senza fine, come promesso da Capuano), del progetto #mentipulite, campagna di sensibilizzazione che ha preso il via l’anno scorso, mirata al miglioramento comportamentale da parte della cittadinanza nei confronti del decoro urbano nonché della tutela dei beni culturali e ambientali. Evidente che ci vogliono le maniere forti, cioé “toccare” il portafoglio.
«A corollario – ricorda l’assessore Capuano – soluzioni migliorative che presto diventeranno realtà: un bando regionale, collegato a un progetto comunitario, per inoccupati e disoccupati che faranno la pulizia dei Portici, visto che la convenzione coi privati è quasi pronta. Poi – sottolinea – un altro bando per cassintegrati, che daranno una mano all’ufficio tecnico e potranno avere sconti sulla Tari».
Convivenza. «Serve un cambio radicale nei comportamenti – ricorda Capuano – E ci vuole la repressione in forma di multa, ma serviranno comunque iniziative di sensibilizzazione verso i cittadini, soprattutto i più giovani. Spetterà anche a questi 12 nuovi “controllori ambientali” il compito di spiegare come stanno le cose».
Giro di vite anche per arginare la proliferazione incontrollata di volantini e affissioni abusive. «In pratica sono state adottate e aggiornate le norme in base alle linee guida nazionali e regionali – dice ancora l’assessore – per un massimo rafforzamento dell’attenzione al decoro urbano in materia sì di sicurezza ma pure di arredo urbano. Si richiede più decoro per le vetrine e le saracinesche anche di negozi al momento chiusi. Così come più cura per le parabole, i condizionatori o tutte le sovrastrutture visibili sui palazzi; dall’adozione, per gli impianti già fatti, ci saranno 2 anni di tempo per mettersi a norma. Azione di contrasto con quanto sta ancora accadendo, purtroppo, pure per i rifiuti abbandonati. Tolleranza 0, lo avevamo promesso e questo sarà».
Sanzioni raddoppiate. «Un esempio? – conferma Capuano – Chi non raccoglie la cacca del cane o non è munito dei sacchetti di raccolta? Dai soliti 29/180 euro, ora si passa a una multa da 50 a 300. Introdotto la sanzione aggiuntiva sul ripristino, cioé chi non provvede alla pulizia, si vedrà aggiungere una seconda contravvenzione che va dagli 80 ai 500 euro. Altrimenti se ne occupa il comune, ma la persona responsabile dovrà in qualche modo risarcire il danno».
Pubblicità. Divieti (multe da 100 a 300) anche per l’affissione di volantini su piante o pali; e anche per chi li lascia sotto i tergicristalli o li dà ad autisti in movimento. 100 euro di multa per i writers, imbrattatori o vandali su qualunque edificio.
Corpo fauna ambientale. «Sono già stati formati 12 volontari – conclude Capuano – ed abbiamo appena cominciato. Potranno, con l’autorizzazione del sindaco, elevare contravvenzioni in giro per la città. Non prenderanno una lira come stipendio e i soldi derivati dalle multe verranno unicamente riutilizzati per il decoro urbano: per l’acquisto di una telecamera in più o per una pulzia d’emergenza…».

 

 

Fonte: iltirreno.gelocal.it

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *