Questo articolo è stato letto 2 volte

La frase “Te la farò pagare” pronunciata contro l’ausiliare del traffico, seguita dall’appropriazione del bollettario da parte del conducente sanzionato, integra i reati di minaccia per determinare altrui a commettere unb reata, aggravata dalla qualifica di pensona incaricata di un pubblico servizio della persona lesa, e di furto con strappo. Linea dura della Cassazione – Cassazione Penale sez. IV 7 agosto 2015, N. 34318

la-frase-te-la-far-pagare-pronunciata-contro-lausiliare-del-traffico-seguita-dallappropriazione-del-bollettario-da-parte-del-conducente-sanzionato-integra-i-reati-di-minaccia-per-determi.jpg

Leggi la sentenza della Cassazione Penale sez. IV 7 agosto 2015, N. 34318

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *