Questo articolo è stato letto 0 volte

Foggia, i vigili salvano dal linciaggio tre scippatrici rom: insulti razzisti durante l’arresto

Nel mirino un anziano che aveva appena riscosso la pensione da 2mila 800 euro in contanti e che è stato malmenato: prese due sedicenni e una diciottenne. E i cittadini le attaccano via Facebook.

Tre giovani rom scippano un pensionato, ma rischiano il linciaggio e vengono tratte in salvo dai vigili urbani. Nella centralissima piazza Giordano a Foggia un anziano signore si era recato in banca per riscuotere la pensione, 2mila 800 euro in contanti. L’uomo però non si era accorto di essere pedinato da tre ragazze di etnia rom. Le giovani scippatrici hanno atteso che uscisse dall’istituto di credito e lo hanno pedinato per una cinquantina di metri per poi strattonarlo violentemente. Con fare esperto, due delle rapinatrici hanno fatto ruzzolare il malcapitato sull’asfalto e la terza gli ha sottratto il portafogli.

La scena non è passata inosservata e alcuni passanti hanno iniziato a inveire contro le ragazzine insulti razzisti. Le ragazze sono fuggite nella vicina via Ingino, inseguite da alcuni passanti che hanno cercato di picchiarle finché sono giunti due agenti della polizia municipale che le hanno salvate dal linciaggio. Si tratta di due sedicenni e una diciottenne che risiedono in un campo rom alla periferia della città: sono state prese in custodia dai vigili urbani fino all’arrivo di una pattuglia di carabinieri che le ha tratte in arresto. La refurtiva è stata recuperata e restituita al pensionato, che ha riportato contusioni alla testa ed escoriazioni alle braccia e ha dovuto fare ricorso alle cure del 118.

La piazza si è riempita di passanti e non sono mancate le frasi contro i rom e la loro tendenza a frequentare quella zona e quella delle vicine poste centrali per commettere rapine quotidianamente. La notizia si è diffusa in pochi minuti sui social network: l’etnia delle ragazze ha fomentato commenti razzisti di ogni genere. Ma da Facebook è anche emersa la scarsissima fiducia nelle istituzioni da parte dei foggiani: “Tanto in carcere non andranno neanche”, è la frase più gettonata, in una città esasperata dalle centinaia di rapine e che tra luglio e agosto ha registrato una media di tre furti in appartamento praticamente ogni sera. Reati che però spesso hanno avuto per protagonisti non solo rom, ma anche moltissimi pregiudicati foggiani.

Fonte: bari.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *