Questo articolo è stato letto 0 volte

Napoli, una banda di ragazzini aggredisce una pattuglia di vigili urbani

 “L’aggressione ai nostri vigili non è tollerabile. Non è perdonabile. Ma è di una gravità estrema anche l’atteggiamento delle “brave persone”, quelle che nella migliore ipotesi stavano a guardare”. Così il sindaco di Giugliano, Antonio Poziello, commenta l’aggressione ad una pattuglia della polizia municipale da parte di un gruppo di quattro ragazzini avvenuta nella serata di ieri all’incrocio tra via Roma e corso Campano, a Giugliano (Napoli).
“Poi c’erano gli altri, quelli intervenuti a salvare gli aggressori dall’arresto”, aggiunge con amarezza il sindaco esprimendo il suo ringraziamento agli operatori della polizia municipale.

Sulla vicenda ieri sera si è tenuta una riunione d’emergenza della Giunta Municipale.”Ho immediatamente chiesto un incontro al Prefetto di Napoli, che vedrò oggi pomeriggio con l’Assessore Grauso”, fa sapere ancora il sindaco Poziello.

“Ritengo che quanto è accaduto ieri non possa non avere una risposta. A partire dalle forze dell’ordine, che debbono prendere di petto la degenerazione che stanno avendo queste orde di ragazzini che rischiano di avere un “salto di qualità” e divenire vere e proprie baby gang. Come già accaduto in altre parti della Provincia di Napoli”, conclude il primo cittadino di Giugliano.

Intanto gli aggressori degli agenti della polizia municipale, ma anche quanti li hanno aiutati a sfuggire a controlli, potrebbero essere presto identificati. Infatti, sono stati recuperati alcuni filmati.  “Stiamo visionando le telecamere, confrontando le foto- dice il sindaco –  Le indagini sono affidate ai carabinieri e alla municipale, che faranno il loro dovere come sempre”.

Gli agenti del locale commissariato di polizia, diretti dal primo dirigente, Pasquale Trocino, stanno eseguendo alcune perquisizioni nel centro cittadino. Posti di blocco sono stati istituiti anche lungo il corso Campano, non lontano dal luogo dell’aggressione. Ad indagare sull’aggressione sono anche i carabinieri e gli agenti della polizia municipale

“Quello che mi ha scioccato, è però l’atteggiamento di quelle persone che amano definirsi per bene. Non gli emuli dei personaggi “gomorroidi”, ma le persone per bene per autodefinizione. Che dai filmati ho visto spintonare, trattenere, aggredire verbalmente i vigili urbani che stavano procedendo agli arresti. Persone che “per bene” non sono per niente. E che debbono cominciare ad avere maggiore rispetto e considerazione per le regole del vivere civile e per le divise”, dice ancora il sindaco.

“Anche e soprattutto quelle della Polizia Locale, che ogni giorno – conclude Poziello – sono in strada per la loro tranquillità e quella dei loro figli”.

Fonte: napoli.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *