Questo articolo è stato letto 1 volte

Piombino, ruba l’auto dei vigili urbani e, inseguito, sbatte nel muro. Arrestato dalla polizia

I vigili urbani si fermano per chiedergli se ha bisogno di aiuto e lui sale sulla loro auto e fugge. Dopo pochi metri, inseguito dalla polizia, si schianta e viene arrestato. Protagonista un uomo di 49 anni, italiano, nato ad Aprilia e residente a Piombino. Da tempo seguito dai servizi sociali.

E’ successo intorno a mezzogiorno di martedì 29 settembre in viale Unità d’Italia, sul lato in uscita dalla città. Un’auto di pattuglia dei vigili, con due donne a bordo, ha notato l’uomo accasciato a terra sul marciapiede, allora ha accostato, motore in moto e quattro frecce, per chiedere se aveva bisogno.

Le due donne sono scese ed è iniziato un dialogo: “Ti chiamiamo un’ambulanza” e lui “Voglio solo la Croce Rossa”, “si chiama il 118, poi vediamo chi mandano”.

Certo è che l’uomo ha iniziato ad agitarsi ed a minacciare: “Brucio tutto!” “spacco tutto”. Poi ha lanciato il cellulare contro un’auto di passaggio e ha iniziato a scagliare sassi verso la strada, fortunatamente senza colpire nessuno.

Le due vigilesse hanno tentato di calmarlo ma, dopo qualche istante, hanno visto una pattuglia della polizia che transitava sul lato opposto e l’hanno chiamata. Gli agenti hanno fatto inversione e si sono accostati.

A quel punto la vicenda è degenerata. L’uomo ha fatto il giro dell’auto di pattuglia dei vigili e si è messo alla guida. Una vigilessa gli si è gettata addosso, l’altra dall’altra parte ha tentato di togliere le chiavi, ma non c’è stato niente da fare. L’uomo ha sgassato ed è partito, ferendo fra l’altro una delle due donne.

Gli agenti della polizia, appena arrivati, sono saltati in auto e l’hanno inseguito, ma non ha fatto molta strada. All’altezza del Maury’s ha toccato la ruota di un camion ed è sbandato, poi ha sbattuto contro il muro. Gli agenti lo hanno arrestato e portato in commissariato.

 

Fonte: iltirreno.gelocal.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *