Questo articolo è stato letto 1 volte

Parma – Guida al telefono, la Polizia Municipale ha elevato 150 multe ogni mese, 49 a ciclisti

La Polizia Municipale lo aveva annunciato: faremo particolare attenzione alla guida con il telefono senza auricolare, o comunque in modalità non consentite, perchè è un comportamento ad alto rischio. E così è stato. Il Comune ha reso noto il numero delle contravvenzioni elevate ai conducenti di veicoli (qualunque veicolo) con il cellulare all’orecchio:  sono ben 1146 solo nei primi otto mesi del 2015, da gennaio ad agosto. 

Di queste, 4 sono state elevate a conducenti di bus, 180 a camionisti, 913 ad automobilisti. Ma fanno notizia anche le 49 multe ad altrettanti ciclisti, pescati a condurre  il loro “velocipede” con una mano sola e l’altra attaccata all’orecchio per quella che forse ritenevano una  conversazione consentita, senza rendersi conto che la regola vale per le biciclette come per le automobili e soprattutto di quanto possa costare la distrazione di una telefonata in termini di rischi per la propria stessa incolumità.

“L’obiettivo di questa campagna – ci tiene a precisare l’assessore Cristiano Casa – è quello di intervenire su un comportamento scorretto particolarmente pericoloso, come è ampiamente dimostrato dalle statistiche sulle cause degli incidenti stradali. Il mio auspicio è che le multe diminuiscano, perchè ciò starebbe a significare che i cittadini di Parma hanno capito quali rischi si corrono per fare una telefonata”.

“La nostra azione – puntualizza il comandante Gaetano Noè – continuerà in modo sistematico fino a quando l’uso del cellulare senza auricolare ala guida non diventerà un’eccezione, come accade con le cinture di sicurezza, perchè un attimo di distrazione può costare vite umane, e questo non è un comportamento tollerabile”.

Tra l’altro, guidare con il telefonino  costa sicuramente caro anche dal punto di vista economico: la sanzione  prevista dal codice della strada è di oltre 170 euro, che si riducono a poco più di 110 se pagati entro 5 giorni dalla contestazione

Fonte: www.parmatoday.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarĂ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *