Questo articolo è stato letto 3 volte

SOSTANZE STUPEFACENTI – L’ipotesi del fatto di lieve entità non può essere legittimamente esclusa in ragione della reiterazione nel tempo di una pluralità di condotte di cessione della droga, prescindendo in tal modo da una valutazione di tutti i parametri dettati in proposito dall’art. 73, d.P.R. n. 309 del 1990 – Corte di Cassazione, 2 ottobre 2015

sostanze-stupefacenti-lipotesi-del-fatto-di-lieve-entit-non-pu-essere-legittimamente-esclusa-in-ragione-della-reiterazione-nel-tempo-di-una-pluralit-di-condotte-di-cess.jpg

Vedi il testo della sentenza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *