Questo articolo è stato letto 6 volte

Piacenza, la polizia municipale non fa solo multe, ma contribuisce alla sicurezza della città

municipale-sicurezza

municipale-sicurezzaAbbiamo letto un articolo pubblicato sul quotidiano Libertà dal titolone “Giardini inaccessibili, ma i vigili fanno solo multe” in cui viene data della Polizia Municipale di Piacenza un’immagine che a nostro avviso è del tutto inappropriata e per niente rispondente a quella che è la realtà con la quale ci confrontiamo ogni giorno.
Addirittura ci viene da dubitare che quel “gruppetto di pensionati” a cui viene attribuita la paternità di una considerazione così negativa della Polizia Municipale possa essere tutta farina del loro sacco.
Noi che trascorriamo nel famigerato Quartiere Roma la maggior parte del nostro turno di servizio, principalmente a piedi, e che quotidianamente facciamo la vera Polizia di Prossimità al cittadino e ai gruppetti di pensionati che spesso durante le ore pomeridiane troviamo seduti sulle panchine dei giardini Margherita, sono cittadini di tutt’altra natura: cittadini benevoli nei nostri confronti e riconoscenti del lavoro di vicinanza da noi svolto.

Un servizio di prossimità che è volto a raccogliere le loro lamentele per lo stato di evidente degrado in cui versa il quartiere, non certo per l’assenza della Polizia Municipale (il cui numero di pattuglie a ben vedere è considerevole in relazione al fatto che la stessa non si occupa principalmente di Polizia Giudiziaria come le altre Forze dell’Ordine, ma di molteplici altre attività: rileviamo il maggior numero di incidenti stradali, eseguiamo tso, ci occupiamo di minori, di polizia ambientale, edilizia, commercio, etc, tutte attività documentabili), il loro senso di paura, il loro essere stanchi di sopportare il ripetersi di certi episodi di ordine pubblico, il loro segnalare situazioni di crescente degrado che gli agenti prontamente girano al Comando e il più delle volte riescono anche a risolvere lo stesso nell’immediatezza, la loro comprensione delle difficoltà che anche noi Agenti incontriamo nel dover fronteggiare certe situazioni senza tutele grazie al decreto Monti.

Dunque, i “vigili urbani” non “appioppano solo multe per divieto di sosta”: la Polizia Municipale fa tanto altro, ma alcuni fanno proprio fatica a parlarne e a riconoscerlo; certo quella è la parte del nostro lavoro più scomoda ed antipatica… la “multa” giusta è sempre quella che viene data agli altri. Vengono richiesti i controlli delle soste, ma i “vigili” non sono mai al posto giusto quando “danno le multe”… insomma siamo sempre inadeguati per taluni e non facciamo mai la cosa giusta.
Occorre anche saper riconoscere che in molte occasioni ci mettiamo in gioco, rischiamo la nostra incolumità, tiriamo fuori tutta l’umanità possibile per dare conforto in situazioni anche tragiche a volte. Questa è la vera Polizia Municipale, non quella che si vuol dipingere negativa a tutti i costi.

Non deve inoltre essere trascurato un altro aspetto: gli Agenti appartenenti alla Polizia Municipale sono impiegati comunali in divisa che, in quanto dipendenti pubblici, eseguono alla lettera le direttive e le linee guida impartite loro dal proprio datore di lavoro.
Certo è un Corpo fatto di uomini e donne che come tutti a questo mondo possono commettere degli errori: ma anche in queste situazioni spiacevoli abbiamo dimostrato più e più volte di saper fare pulizia al nostro interno. Le mele marce non sono gradite.

La Polizia Municipale di Piacenza, come quella di tutta Italia, comprende bene il valore della divisa che indossa, e ogni appartenente fa del suo meglio per onorarla ogni giorno, mettendosi al servizio del cittadino. Non dimentichiamo mai i nostri colleghi morti nell’adempimento del dovere, proprio per amore verso quella divisa tanto bistrattata, ma che per chi la indossa è un onore ed ha un enorme valore.

 

Fonte: www.ilpiacenza.it

 

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *