Questo articolo è stato letto 1 volte

Padova – Giocattoli per bambini, blitz in zona industriale: 100 articoli sequestrati

Continuano i controlli e le azioni della polizia locale contro la vendita di prodotti contraffatti. È di mercoledì il sequestro messo a punto dagli agenti della municipale del Reparto polizia amministrativa – squadra attività economiche, che hanno effettuato un’ispezione congiunta con i funzionari della Camera di Commercio in un capannone della zona industriale, al civico 2 di via Uruguay a Padova.

GIOCHI PER BAMBINI FUORI NORMA. L’operazione, scattata per verificare le garanzie di sicurezza che devono possedere i prodotti destinati al gioco, utilizzati in modo esclusivo o meno da bambini di età inferiore a 14 anni, ha portato al sequestro di oltre un centinaio di articoli. Tutti prodotti che, dai controlli effettuati, sono risultati irregolari, privi del marchio CE, delle avvertenze e delle istruzioni d’uso e che venivano messi in vendita singolarmente sprovvisti di confezione o di qualsiasi imballaggio.

SEQUESTRATO UN CENTINAIO DI ARTICOLI. Sotto la lente di polizia locale ed Ente camerale, un’attività che esercita il commercio sia all’ingrosso che al dettaglio per subingresso alla già nota Mela Rossa. L’ispezione si è conclusa con la redazione degli atti conseguenti e le contestazioni delle violazioni accertate. Spetterà ora alla Camera di Commercio verificare l’originalità, la correttezza formale e sostanziale dei circa 110 articoli posti sotto sequestro amministrativo.

ASCOM. “Grazie alla polizia locale e alla Camera di Commercio per il sequestro dei prodotti contraffatti effettuati nella giornata di mercoledì, giusto nel giorno in cui l’iniziativa di Confcommercio ‘Legalità, mi piace’ poneva l’accento sulla pericolosità di taluni prodotti destinati ai bambini, ma metteva anche in risalto che la contraffazione e l’abusivismo ‘costano’ al Paese l’incredibile cifra di 260 mila posti di lavoro”. Così, il presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin, ha commentato i risultati dell’operazione.

Fonte: www.padovaoggi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *