Questo articolo è stato letto 2 volte

Prato – Prefettura, firmato il “Patto per una città più sicura”

Sicurezza sempre al centro dell’attenzione in città. Dopo il rafforzamento dei dispositivi di controllo in vista delle feste e l’installazione di nuove videocamere di sorveglianza, in prefettura è stato siglato il “Patto per una città più sicura”. Tra i firmatari, insieme al prefetto, Comune, questura, carabinieri, guardia di finanza, corpo forestale.

L’accordo, già promosso dal ministero dell’Interno, riguarda “tutte le iniziative per migliorare la vivibilità del territorio e la qualità della vita, con attenzione anche ai fenomeni di illegalità e di inciviltà urbana, coniugando prevenzione, mediazione sociale e dei conflitti, controllo e repressione” recita la nota diffusa da Palazzo Rangoni.

IL PATTO – E’ articolato in cinque punti. Il primo aspetto concerne il controllo del territorio, con norme sull’integrazione operativa dei corpi di polizia, la videosorveglianza urbana – il protocollo “Mille occhi sulla città”  la sicurezza integrata, in particolare gli incontri tra le forze di polizia e i cittadini (“Controllo di vicinato”). In campo pure le nuove tecnologie per presidiare le aree urbane. Continueranno le verifiche congiunte sugli esercizi pubblici e il contrasto all’abusivismo e la contraffazione.

Attenzione quindi verso i reati più ricorrenti, quali furti e rapine, e quelli legati allo spaccio di sostanze stupefacenti.

Il terzo punto concerne la sicurezza urbana puntando sia a interventi di riqualificazione che  ai controlli sugli affitti. Nel quadro delle politiche sociali verranno adottate misure per ridurre il disagio, la conflittualità urbana e contrastare lo sfruttamento della prostituzione. Sarà infine attivato un  centro di monitoraggio sull’applicazione del documento, con corsi formazione e aggiornamento per gli operatori delle diverse forze dell’ordine.

Fonte: parma.repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *