Questo articolo è stato letto 5 volte

Thiene. La polizia locale a scuola di arabo

agenti_polizia_locale

agenti_polizia_localeI cittadini di origine araba residenti nel territorio vicentino rappresentano ormai una discreta fetta di popolazione e il Consorzio di polizia Locale NordEst Vicentino corre ai ripari con una originale iniziativa. Questa sera a Thiene inizia un corso di lingua araba aperto agli agenti del Consorzio. L’obiettivo è quello di favorire una maggior conoscenza del principale strumento di comunicazione fra nuovi arrivati e forze di polizia, la lingua.

“E’ un’iniziativa organizzata da alcuni colleghi -ci dice il comandante Giovanni Scarpellini- per conoscere meglio la cultura e comunicare meglio con i cittadini di lingua araba. Noi abbiamo messo a disposizione un’aula nella sede del consorzio di Thiene”. Finora hanno aderito 21 agenti provenienti da tutti i Comuni del consorzio e stasera si terrà la prima lezione. Resta da vedere se tutti ‘resisteranno’ e completeranno il corso, ma di sicuro l’iniziativa ha avuto un buon inizio, con molta curiosità da parte degli agenti. L’insegnante è una cittadina algerina residente da molti anni a Thiene. La polizia locale del NordEst Vicentino, lo ricordiamo, raggruppa i Comuni di Asiago, Bolzano Vicentino, Bressanvido, Caltrano, Calvene, Carré, Cassola, Chiuppano, Dueville, Fara Vicentino, Lugo di Vicenza, Lusiana, Montecchio Precalcino, Monticello Conte Otto, Rossano Veneto, Sandrigo, Sarcedo, Schiavon, Thiene, Villaverla, Zané e Zugliano.

“Il confronto con i cittadini di lingua araba -continua Scarpellini- è quotidiano e conoscere la loro lingua può facilitare il nostro lavoro. Tengo a precisare che tale confronto non riguarda solo episodi di criminalità ma, nella maggior parte, di normale vita amministrativa. Gran parte di loro capiscono l’italiano o parlano lingue condivise come l’inglese e il francese. Conoscendo un po’ di arabo sarà più facile comunicare e -aggiunge con un sorriso- capire anche quando ci mandano a quel paese”.

Fonte: www.tviweb.it

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *