Questo articolo è stato letto 13 volte

Insulti il vigile? Paghi i danni all’intera Polizia municipale

vigile-alberto-sordi

vigile-alberto-sordiUn ferrarese che insulta un vigile urbano non rischia “solo” il processo penale ma anche di dover risarcire il danno morale all’intero Polizia Municipale. Ed è stato pure quantificato il danno che si può infliggere al corpo: si va da 400 a 4.000 euro per un’offesa “normale”, ma si può anche andare oltre per offese “eccezionali”. A mettere per iscritto il valore dell’integrità morale della Polizia municipale ferrarese è una delibera del 2 febbraio che prende le mosse dall’articolo 341 bis del Codice penale, che reintroduce il reato di oltraggio a pubblico ufficiale «come reato plurioffensivo», con la conseguenza che la riparazione del danno con il risarcimento è «da effettuarsi non solamente nei confronti del pubblico ufficiale stesso, benchè anche dall’amministrazione da cui esso dipende», già nell’ambito del processo penale.

Le offese nei confronti dei vigili urbani volano che è una bellezza, «non di rado si verificano casi – si legge nella delibera – nei quali gli appartenenti al corpo di Polizia municipale Terre Estensi, nel corretto adempimento dei loro compiti istituzionali e dei loro doveri d’ufficio, vengono fatti oggetto di oltraggi che ne ledono l’onore e il prestigio e che, parimenti, ledono il prestigio, il decoro e l’immagine dell’amministrazione comunale». Di qui l’opportunità di pretederminare il “peso” sanzionatorio di queste offese, tenendo ferma «la possibilità per l’amministrazione di derogare al limite massimo stabilito nei casi di particolare ed eccezionale gravità dell’offesa». E qui si potrebbe aprire una parentesi molto ampia su come incasellare le varie categorie d’ingiurie (quelle personali, le più comuni, come verranno parametrate all’ente?). Per stabilire dove fermarsi, nei casi normali, tra 400 e 4.000 euro, vale tutto: «gravità dell’offesa ed in generale del comportamento offensivo», «il luogo, le condizioni ambientali, in particolare se in presenza di molte persone, le motivazioni», recidive e «particolari circostanze valutabili di volta in volta». Ora non resta che attendere qualche caso concreto.

 

Fonte: lanuovaferrara.gelocal.it

 

 

Fonte:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *